Immagine
 COLPITO/ nelle sue persone e nelle sue cose più care dai bombardamenti israeliani, piange dis... di giuseppe
 
"
"Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono niente, o non vale niente lui".

Ezra Pound
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 17/12/2007 @ 16:47:52, in blog, linkato 1839 volte)

Già è una vergogna per uno Stato civile la situazione della ricerca scientifica - tutta, in genere - in Italia, dove nessun governo ha mai saputo articolare un piano organico di finanziamento e di valorizzazione dei talenti.

Che si debba ricorrere poi alla liberalità dei privati per sostenerne un settore, quello da anni "marchiato" dal così detto Telethon, sempre di per sè vergognoso è.

Ma in Italia al peggio non c'è mai fine e ad una vergogna si pone rimedio con uno scandalo.

Oramai è diventato uno scandalo insostenibile il fatto che quello che lo Stato non può o non vuole fare, lo facciano i professionisti del volontariato, con costi sociali altissimi e quanto meno superiori a quanto lo Stato spenderebbe se facesse da sè, senza "volontari". 

Fra l'altro, alterando quel "mercato" cui tutti dicono a parole di ispirarsi e di dover rispetto. Invece il volontariato droga il mercato e con le cooperative e el associazionio ha prodotto imperi finanziari privati, con tutta una casta di volontari, dai massimi comandanti, fino ai soldati semplici, ma pur sempre professionisti.

Poi, nella fattispecie di questo fine settimana, è insopportabile l'ipocrisia delle appartenenze scontate, delle esibizioni gratuite: quelle sciarpe ostentate, da chi come spesso avvienne prende a pretesto le iniziative così dette benefiche per fare pubblicità a sè stesso e alle proprie attività.

Infine, la caccolina sulla torta: le compagnie telefoniche che guadagnno pure sugli sms con cui vengono fatte le offerte!

Tutto questo, nei casi migliori e più nobili, perchè poi ci sono le vere e proprie truffe, appena più rozze delle sofisticate operazioni di comunicazione sociale su cui si regge ormai il marketing del volontariato nella nostra sciagurata Italia del nuovo secolo e del nuovo millennio.

 
Di giuseppe (del 12/12/2007 @ 16:09:14, in blog, linkato 16226 volte)

Un verso di un poeta in regalo, portato dalla cronaca degli ultimi giorni.

Domenica scorsa a Roma alcuni partiti e movimenti della sinistra “radicale” hanno tenuto un incontro, finalizzato alla creazione di un nuovo soggetto politico, la così detta “cosa rossa”.

Fra i leader intervenuti, il governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, da più parti indicato quale futuro leader.

Nel corso del suo discorso, come è stato riportato da alcuni giornali, ha declamato un verso, per sottolineare il passaggio da compiere, ed esattamente ha affermato:

E’doloroso uscire da sé stessi, si ha paura di dissipare sentimenti e patrimoni messi assieme con tanti sacrifici. Ma è necessario farlo. C’è un verso di Pasolini che mi pare particolarmente adatto a indicare questa nostra condizione sentimentale e politica; dice così; “Piange ciò che muta, anche per farsi migliore”.

Senza entrare nel merito squisitamente politico, ( e ce ne sarebbe da entrare! A cominciare dall’implicita esaltazione del popolo, per una sinistra volta alle poltrone della casta, ai compromessi antistorici con i residui della propria coscienza, agli intellettuali con la puzza sotto il naso e ai golfini di cachemire ) è comunque bello che un politico si avvalga della poesia per affermare, o definire, i propri concetti.

La citazione poi di per sé è addirittura bellissima.

Si tratta di un passaggio tratto dal “Pianto della scavatrice”, un lungo componimento poetico, di taglio prosastico, di impegno civile, del 1956 e confluito nella raccolta “Le ceneri di Gramsci”, pubblicata nel 1957.

Ecco il passo preciso:

“Piange ciò che muta, anche per farsi migliore.

La luce del futuro non cessa un solo istante di ferirci...”.

Detto ciò, nessuno – e soprattutto quelli che d sinistra hanno giudicato “perfetta” la citazione – sono entrati nel merito della poesia da cui Nichi Vendola ha mutuato il verso.

Colmiamo provocatoriamente la lacuna.

Tanto perfetta, per la sinistra, per di più estrema, infatti, la citazione non è. Bellissima, certo, ma ahimè per tutti loro ah quanto scomoda!

Ne “Il pianto della scavatrice” Pier Paolo Pasolini esprime dolore e turbamento per il passaggio che stava avvenendo verso una modernità destinata a distruggere il grande mondo antico della civiltà contadina, verso un capitalismo orientato ad annullare la semplicità e la genuinità del popolo.

Insomma, quella scavatrice che spiana una Roma “stupenda e misera” che fra poco non sarà più “mamma” per i suoi figli travolti dalla mutazione antropologica del capitalismo e dall’omologazione del consumismo, è il simbolo del nuovo che avanza e avanzando distrugge.

Come dirà di sé stesso, Pier Paolo Pasolini, in un altro verso ( “Bestemmia”, “Poesie in forma di rosa”, 1962 ) bellissimo e scomodissimo:

Io sono una forza del Passato; solo nella Tradizione è il mio amore”.

 
Di giuseppe (del 10/12/2007 @ 20:54:22, in blog, linkato 20988 volte)

( At the end of the text in Italian, English language translation ).

Sull' ultimo numero dell’ “Espresso” c'è un’intervista rilasciata dal filosofo francese Jacques Attali in occasione dell’uscita del suo ultimo libro ( “”Amours”, edizioni Fayard ) dedicato all’amore.

Io ci ho ritrovato con piacere alcune tesi che ho esposto nel mio saggio “Breviario d’amore” ( Azimutlibri ) dello scorso anno, in particolar modo quelle sulla attuale frammentazione dei rapporti sentimentali e sessuali; o la concezione dell’amore come strumento di conoscenza e percorso di realizzazione.

E voi? 

 “…Le pratiche amorose evolvono allo stesso ritmo delle altre relazioni che governano la nostra società: dovremo confrontarci con le questioni di libertà e trasparenze assolute anche nel campo degli affetti.

…L’amore è una ricerca, corrisponde a una dimensione fondamentale dell’uomo, che è cercare il superamento di sé: la natura umana è nomade, vuol scoprire: questa scoperta è appunto il superamento di sé. Ma oggi siamo semplicemente ‘sé stessi’ e in quanto ‘sé stessi’ siamo soli. Il prezzo che dobbiamo pagare per la formidabile opportunità legata alla libertà individuale à la solitudine.

..Dal campo del lavoro, oggi abbiamo sviluppato il network anche nelle relazioni amorose. Il network significa essere collegati, connessi, sviluppare una rete di relazioni..

...Con gli altri posso avere delle relazioni affettive, ma anche sessuali… E’ ancora marginale, ma è evidente che si arriverà a questo. L’amore non è possedere l’essere amato, ma fare un progetto con lui. In questo senso, se possiamo costruire questo legame con una persona, nulla impedisce di costruirlo con più persone contemporaneamente…”

On the last issue of the "Espresso" is an interview released by the French philosopher Jacques Attali at the release of his latest book ( " Amours "editions Fayard) dedicated to love.

I have found in it with some pleasure that I exposed thesis in my essay "Breviary of love" (Azimutlibri) last year, especially those on the current fragmentation of sentimental and sexual relationships, or the concept of love as a means of knowledge path and implementation.

And you? 

 "… Amorous practices evolve at the same rate as other relationships that govern our society: must deal with the issues of freedom and absolute transparency in the field of affections. …

Love is a research, is a fundamental dimension, which is trying to overcome himself: human nature is nomadic, wants to discover: this discovery is precisely to overcome them. But today we are simply 'self' and as 'self ' us alone. The price that we have to pay for the tremendous opportunities linked to individual freedom is loneliness.

...From the field of work, we have developed the network even in loving relationships. The network means to be connected, intertwined, develop a network of relations .. With others can have relationships, but also sexual… It is still marginal, but it is clear that it comes to this. Love is not have to be loved, but do a project with him. In this sense, if we can build this bond with a person, nothing prevents build with multiple people… "

 
Di giuseppe (del 07/12/2007 @ 19:47:18, in blog, linkato 117107 volte)
Con riferimento ai blog dei giorni 6 ottobre e 8 novembre, oggi su di un unico quotidiano e per di più un free - press c'era una notizia importantissima: il ministero della difesa, che fino ad ora aveva calcolato 37 decessi, ha ammesso il numero di 77 decessi fra i soldati italiani e 312 gravemente ammalati, dal 1996 a oggi. Intendiamoci: la cifra è ancora ben parziale, ma è già un riconoscimnto significativo. Peccato che sia passata sotto silenzio. Intanto i nostri soldati sono ancora in guerra in Afghanistan, al fianco degli Americani che continuano a usare uranio impovertio nelle loro armi di distruzione e di sterminio, contro quelli che definisce "terroristi" per coprire così i propri interessi militari, economici e strategici.
 
Di giuseppe (del 04/12/2007 @ 16:35:30, in blog, linkato 6664 volte)

...And so this is Christmas.

Merry Christmas and happy new year to all my friends and my lectors.

But we don’t choke us with the usual Christmas consumerism!

We feed our minds with new ideas, which the main aim is now of promoting the culture of peace.

It will take years, perhaps decades and decades, but we started.

So, unfortunately the war continues.

So, ( IN CLIP ON HOME PAGE ) these are some effects...

The fault has never soldiers, which are the humbles and the poors. The fault is always who sends them to wage war, however and wherever, without if and without but:

"Non

 ci

 sono

guerre

giuste" - as Ezra Pound wrote in his "Pisan Cantos".

The war continues, the war is close to us.

We have to remind all that and to build a culture of peace: the challenge, difficult and exciting for the younger generations of the new century and the new millennium, when war will become a taboo word, when war will must end forever.

Building a culture of peace also means not being taken to the ass by who sends soldiers, the sons of the people, to die without reason, on behalf of economic and financial interests weapons factories, multinational oil companies, oligarchies of high international finance; and by who, despite being a pacifist with his words, politically supports the governments of this type.

Talking among us about all this, at Christmas and throughout the new 2008, for a real start of culture of peace.

 
Di giuseppe (del 03/12/2007 @ 17:53:41, in blog, linkato 1541 volte)

Se celeste è questa corrispondenza d'amorosi sensi, mercoledì 5 dicembre Pier Paolo Pasolini sarà proprio contento.

Il Comitato Regionale per le Comunicazioni della Regione PIemonte - cui collaboro - ha organizzato un meeting per una televisione migliore. Fra le iniziative proposte, la diffusione della lettura proprio attraverso la televisione.

Infatti, i minori, in particolare quelli compresi fra 4 e 14 anni, passano davanti al piccolo schermo mediamente quasi tre ore. Una quantità di tempo rilevante. Oltre due milioni sono là anche fra le 20.30 e le 23.00. Alcune decine di migliaia ogni giorno guardano anche i programmi della pay-tv. Regolamenti e codici definiscono cosa non deve esserci nella programmazione televisiva nelle fasce orarie in cui si presume che i minori siano particolarmente presenti davanti allo schermo. Ma i divieti non possono essere la risposta. Ci vuole un’opera di educazione che la televisione potrebbe svolgere. Questa opera potrebbe avere per oggetto la lettura. Se la televisione è tra i responsabili dell’allontanare i ragazzi dalla lettura si potrebbe utilizzarla quale mezzo di promozione della lettura. Non, si badi bene solo con programmi dedicati, spazi riservati ad un pubblico già colto, ma quotidianamente, con un libro che appare, e di cui si parla, anche un minuto soltanto, nei programmi più seguiti.

 

Un’idea semplice e facile da applicare di cui siamo debitori a Pier Paolo Pasolini che sul Corriere della sera nell’ottobre 1975 scriveva:

“...La televisione diventerà ancora più potente: e la violenza del suo bombardamento ideologico non avrà più limiti. La forma di vita- sotto-culturale, qualunquistica e volgare- descritta e imposta dalla televisione, non avrà più alternative. ... Adesso che la televisione è chiamata a svolgere un ruolo decisivo per lo spirito della nuova società, li sfido su di un punto solo. Essi sanno bene che la cultura di massa, così come è, è sottocultura, anzi, anticultura; e se il fenomeno è ormai irreversibile - essendo le masse una realtà - esse, come ogni fenomeno storico, va affrontato, corretto, modificato. Essi sanno bene, anche, che le lunghe serate e le lunghe domeniche invernali a casa possono riproporre il problema, o la soluzione, della lettura: che, al contrario della televisione, non è fenomeno di sottocultura, ma di cultura. Gli italiani, se mai li hanno scoperti, possono oggi riscoprire i libri. Io dunque sfido i dirigenti della televisione a dimostrare la loro buona fede e la loro buona volontà, attraverso un lancio della lettura e dei libri: lancio da non relegare però ai programmi culturali, alle trasmissioni privilegiate: ma da organizzare secondo le infallibili regole pubblicitarie che impongono di consumare. I dirigenti, se vogliono, possono superare ogni difficoltà burocratica e mettere ogni sera Carosello e le altre trasmissioni analoghe abbondantemente a disposizione di questo nuovo compito, così nobile, altruistico e scandalosamente contraddittorio”.

Un’ eco di questa idea è presente nel progetto per la tv di qualità lanciata del Comitato Regionale per le Comunicazioni ( Co.Re.Com) della Regione Piemonte. Le emittenti locali potrebbero inserire, nelle loro trasmissioni più seguite, alcuni minuti in cui si esamini un libro, quelli vecchi e quelli nuovi, accennando ai suoi motivi ed ai suoi personaggi. Un compito da affidare ai conduttori dei programmi di maggiore ascolto, ma anche a testimonial particolarmente conosciuti e seguiti. E poi magari in ogni telegiornale si potrebbe trovare un piccolo spazio per presentare ogni giorno un autore o raccontare un libro. Ovviamente sta a conduttori e giornalisti decidere “quale” libro di volta in volta promuovere. Tutti vanno bene. Anche se, un’attenzione particolare potrebbe essere riservata agli editori piemontesi ed a libri che non appartengono ai grandi circuiti editoriali. Una iniziativa che costa poco e che può ottenere favore e successo.

Ed ecco come nei giorni scorsi l'agenzia ANSA ha presentato l'iniziativa agli Italiani:

R SPE S0B S41 QBKT TV:DAL PIEMONTE RIPARTE LA SFIDA DI PASOLINI PER TV DOC RPT CON TESTO CORRETTO (ANSA) - TORINO, 27 NOV - La sfida alle televisioni riparte da Pier Paolo Pasolini che, sul Corriere della Sera del 1975, si rivolse ai dirigenti del piccolo schermo per inserire la pubblicita' dei libri nel Carosello e nelle altre trasmissioni ad alto audience. Dal Piemonte viene rilanciata quella sfida: le tivu' che vorranno ottenere il ''marchio di qualita'' tra le altre regole dovranno avere anche la promozione della lettura. L'iniziativa e' del Comitato Regionale per le Comunicazioni (Corecom) che il 5 dicembre, alla presenza, tra gli altri, del sottosegretario delle Comunicazioni Giorgio Calo' e del presidente del Comitato per l'applicazione del codice di autoregolamentazione Tv e minori Emilio Rossi, presentera' il nuovo decalogo in nove punti. Il messaggio centrale e' che fare buona televisione si puo' e puo' essere conveniente anche dal punto di vista economico. Oltre al rilascio del marchio di qualita', il Corecom prevede un concorso per i migliori programmi e significativi premi in denaro, in aggiunta ai contributi pubblici ordinari. Tra i nove punti del Codice di Qualita', oltre al rispetto della fascia protetta 16-19 per programmi destinati ad hoc a bambini/e e adolescenti, e' inclusa anche un'attenzione particolare per il valore dello sport, specialmente le discipline minori, le pari opportunita' tra i sessi, l'apertura alle diverse espressioni politiche, sociali e religiose. Un punto e' dedicato alla diffusione della lettura attraverso la segnalazione e la presentazione di libri all'interno dei programmi piu' seguiti. ''Vogliamo coniugare - spiega il presidente del Corecom Piemonte, Massimo Negarville - qualita' dell'offerta televisiva e sviluppo di impresa''.(ANSA). BAN 27-NOV-07 12:17 NNNN

 
Di giuseppe (del 30/11/2007 @ 20:44:38, in blog, linkato 2001 volte)

Due delle cose che riscontro sempre di più negli ultimi tempi e negli ultimi tempi sopporto sempre meno è quando qualcuno prende un impegno, un appuntamento e poi dopo dice che non può venire; e quando cerchi qualcuno e non ti risponde, mai, nemmeno per e - mail, nemmeno ti fa ritelefonare.

Ora io capisco che George W. Bush il 12 settembre 2001 sarebbe dovuto andare a una conferenza e dovette annullare la sua partecipazione; capisco pure che Vasco Rossi non risponda a tutte le ragazze che gli scrivono.

Capisco molto, come vedete.

Ma tutti gli altri e negli altri casi di tutti questi che credono di rendersi importanti così facendo proprio non li capisco: mi credano, si rendono soltanto indisponenti, non indisponibili; stupidi e non importanti; proprio nella migliore delle ipotesi e nella fattispecie assai minoritaria, disorganizzati: sballati, gasati, completamente fusi.

 
Di giuseppe (del 29/11/2007 @ 16:25:56, in blog, linkato 2085 volte)

Io non so, non posso sapere, come si viveva in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Certo, c'erano i bombardamenti sulle nostre città.

Poi, le notizie arrivavano deformate dalla propaganda del regime fascista, certo, ma almeno arrivavano, sia pur nella limitatezza dei mezzi tecnologici di allora e per quanto, immagino, si facesse finta di nulla, nella convinzione che tanto tutto sarebbe finito presto e si conducesse più o meno la vita di tutti i giorni, come se niente fosse. A parte le notizie dei caduti che arrivavano direttamente alle famiglie.

Io però so come si vive in Italia in questi anni di guerra, al fianco degli occupatori e sfruttatori americani che hanno invaso Iraq e Afghanistan. Si fa finta di niente, si ignora, si nega la parola stessa.

Nessuno bombarda le nostre città, almeno per ora: ma intanto l'Iran ha messo a punto un missile capace di arrivare fino a Roma e ha detto che lo userà, se sarà anch'esso invaso.

Le notizie, nonostante tutti i progressi tecnologici, arrivano col contagocce e quelle poche che arrivano vengono cancellate dal regime democratico. Ecco che cosa è successo ieri.

Lo sappiamo grazie alla eroica missione professionale dei giornalisti indipendenti dell'Associazione lettera 22, che pubblicano e diffondono in clandestinità, pressoché oscurati in Italia.

Riportiamo integralmente qui di seguito il dispaccio. Aggiungiamo un brevissimo commento: poi dicono che gli Afghani sono terroristi! Provate voi a stare senza casa, a essere invasi e bormbardati, a perdere lavoro, beni materiali e spirituali, a vedere uccisi i vostri cari: e poi vedete se non diventate terroristi anche voi!

 

Kabul – Sarebbero almeno una dozzina, ma forse addirittura venticinque, le vittime di un ennesimo raid aereo, avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì tra le montagne del Nuristan, una zona impervia del Nordest afgano. Una bomba sganciata da un aereo ha seminato la morte nel sonno in un gruppo di operai e tecnici che lavoravano alla costruzione di una strada nel cuore di una regione montagnosa e nota per le sue ricchezze minerarie. Si erano rifugiati nelle loro tende nel disperato tentativo di scampare a un bombardamento quando, nei pressi del villaggio di Kamdesh, gli aerei delle forze multinazionali, col compito di proteggere la popolazione afgana dai talebani, sbagliando clamorosamente bersaglio, hanno centrato i loro ricoveri provvisori. Ma l’operazione resta ancora confusa e, mentre scriviamo, l’Isaf/Nato non ha smentito nè accreditato il numero delle vittime fornito dalle autorità locali, anche se ha ammesso di aver bombardato la zona ma senza dire quando. Nel contempo la coalizione a guida americana, citata dall’Associated Press, starebbe accertando quanto accaduto in Nuristan dopo che funzionari afgani le avrebbero attribuito il raid dovuto a un errore di intelligence. Un caso emblematico della confusione dovuta alla doppia catena di comando tra Isaf/Nato e coalizione a guida americana. In un paese dominato dall’incertezza anche nel modo di condurre la guerra, nemmeno i numeri sono certi. Dodici morti è la cifra che il governatore della provincia del Nuristan, Tamimi Nuristani, ha fornito alla France Press, sostenendo che effettivamente i talebani era nei dintorni. Ma l’agenzia di stampa Pajhwok, un’accreditata quanto giovane testata giornalistica della capitale, ha fatto salire il bilancio a 25. E in effetti in giornata il loro numero ha continuato a lievitare, da 12 a 14, da 22 a 25. Forse è ancora per difetto visto che secondo fonti locali, citate dall’edizione in pashtun della Bbc, il bilancio sarebbe ancora piu’ alto. Il malik locale, Taj Mohammad, ha detto però di non avere dubbi, avendo contato personalmente le bare nel numero di venticinque. Alla strada, tra il distretto di Noorkaram e quello di Duap, stavano lavorando diverse maestranze. Almeno 14 vittime farebbero parte di una Ong afgana finanziata con denaro coreano. Gli altri sembra appartenessero a una società di costruzioni afgana. L’ennesimo passo falso della Nato o della coalizione (la responsabilità non è ancora stata accertata), rischia di compromettere il già fragile equilibrio interno all’Isaf dopo che, proprio settimana scorsa, il segretario generale dell’Alleanza atlantica Jaap de Hoop Scheffer aveva ribadito che la Nato farà il possibile per evitare vittime civili. E dopo l’uscita di qualche mese fa sulle “bombe piu’ piccole” per far meno male, de Hoop Scheffer dovrà ora spiegare che speranze ci sono di evitare che tutto continui come prima. L’ennesimo errore è da mettere in conto a un’opzione militare che non sembra tener conto della richiesta di una svolta che, seppur a fatica, comincia a farsi strada in diverse cancellerie. Ma che già da tempo dev’essere nella testa degli afgani. Avere notizie da e sul Nuristan è difficile oggi ma lo è stato anche in passato. La “terra nascosta” dell’Hindukush è una delle zone piu’ impervie, magiche e forse piu’ ricche del paese. Nota un tempo come Kafiristan, la terra degli infedeli perché i nuristani erano tra i pochi afgani non musulmani, è diventata solo nel 2001 una delle 34 province del paese. E’ formata dalla parte Nord delle province di Laghman e Kunar, quest’ultima ad alta infiltrazione guerrigliera, e confina a Nord col Badakshan, la regione piu’ povera del paese, e a Est col Panjshir, la famosa terra di Shah Massud. Ma il Nuristan ha anche un lungo confine col Pakistan ed e’ considerata una zona di passaggio chiave per i talebani o i loro sodali. Non e’ la prima volta che se ne parla per la caccia ai guerriglieri. Si dice che ai tempi dell’invasione sovietica, Mosca fece fare prospezioni e carotaggi per verificarne la ricchezza che le ricerche confermarono. Minerali quasi a cielo aperto ma difficilissimi da trasportare cosi’ che la partita venne chiusa aspettando tempi migliori. Che non arrivarono. Ma adesso ci si sta lavorando, forse proprio per metter mano a quelle ricchezze.

 
Di giuseppe (del 28/11/2007 @ 11:54:10, in blog, linkato 2233 volte)
Con la consueta ironia che contraddistingue le nostre conversazioni, e con l’abituale brillantezza che contraddistingue le conversazioni di tutti i Leccesi, il mio amico Francesco Rodolfo Russo mi scrive per dirmi che ha partorito ancora, sottolineando quanto per un uomo si tratti di un evento eccezionale. Naturalmente il parto si riferisce al suo ultimo libro, il romanzo “L’ospite imprevisto”, Giancarlo Zedde editore. Lo presenterà – e invita tutti ad essere ospiti, previsti o imprevisti non importa – giovedì 6 dicembre, alle 20.30, al Centro Servizi Volontariato, di via Toselli n.1 a Torino.
 

Carissimi, vista la vostra risposta così calda, e stretta, all’inaugurazione della mailing list azimutiana, alle visite sul forum, al sostegno nelle nostre presentazioni, abbiamo pensato di non poter passare tutto sotto silenzio.

Perciò, per ringraziarvi, e cogliendo l’occasione per festeggiare anche –finalmente- le uscite natalizie azimutiane in questi giorni in tutte le librerie d’Italia, s’è deciso di scontare tutto il nostro catalogo del 30%, solo per chi legge questa email. (e naturalmente le spese di spedizione sono a carico nostro).

Se vorrete, dunque, non dovete fare altro che andare sul sito

www.azimutlibri.com

dove troverete tutte le novità oltre a tutti gli altri nostri libri.

Azimut, e sai cosa leggi!

Guido

PS e non dimenticate dell’iniziativa che stiamo portano avanti sul forum: “Il racconto, scriviamolo!”, nella sezione LiberArea.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Ci sono  persone collegate

< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
[url=http://lipitorg...
14/11/2018 @ 07:43:54
Di AaronAdved
king pharmacy
14/11/2018 @ 07:36:33
Di canadian viagra
walgreens pharmacy [...
14/11/2018 @ 07:29:01
Di Francisunsog

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


14/11/2018 @ 07:53:47
script eseguito in 2574 ms