Immagine
 AFFAMATO/ Alberto Sordi, insofferente al cibo inglese, nel film "Fumo di Londra"... di giuseppe
 
"
"Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono niente, o non vale niente lui".

Ezra Pound
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 08/09/2013 @ 20:37:21, in blog, linkato 781 volte)
Perché le giornate di ieri e di oggi sono state di importanza storica LE ARMI DI OBAMA PER LA GUERRA E LE NOSTRE PER LA PACE La giornata di ieri, la cui eco, chiarissima, amplificata dai mass media vecchi e nuovi, si è propagata fino ad oggi, con ulteriori novità, è stata importantissima per tutta una serie di ragioni, che proverò qui di seguito a sintetizzare, pur nella loro complessità e, come detto, nella loro straordinaria importanza. Anzi, considero quanto avvenuto ieri di rilevanza storica, perché scorgo, alzando appena un po’ il piano di osservazione, fenomeni di portata epocale. Per questo desidero condividerlo in primo luogo con tutti voi amici di Facebook, poi con i lettori del mio sito e con quelli di lecccronaca.it Vi sono grato dell'attenzione e ancora di più sarò di eventuali vostri rilievi e contributi. *** Il rinnovamento avviato da papa Francesco a una Chiesa in crisi di identità, piena di contraddizioni e gravata da colpe vecchi e nuove, è meritorio, mi fa pensare a quel movimento di vera e propria rigenerazione avviato da quel santo del quale porta non a caso il nome, che scosse tutta quanta l’Europa ottocento anni fa. In pochi mesi ha chiamato e richiamato al confronto, all’umiltà, alla purezza, alla povertà. Sono processi lunghi, che si misurano con i decenni e non con i mesi, ma di cui vediamo già i primi frutti, per esempio allo Ior, la Banca vaticana, tanto per semplificare, da dove il marcio comincia ad esondare e a depurarsi, e non soltanto in termini finanziari, ma pure di rapporti con la politica, come dimostrato i contatti documentati giovedì scorso da La Repubblica fra i vertici dell’istituto e alcuni esponenti che chiedevano “dritte” su che fare, in primis l’agente di collegamento fra Pdl e Ior l’allora sottosegretario Alfredo Mantovano; pure per la guerra fra bande di potere e fazioni di interessi interne alla Chiesa, su cui indagò e riferì al precedente pontefice il Cardinale leccese Salvatore De Giorgi con esiti talmente allarmanti, da contribuire a spingerlo alle - a questo punto davvero benedette, visto il suo successore - dimissioni. *** In questo contesto dell’attualità, quanto avvenuto ieri e, di conseguenza, oggi, viaggia verso l’inquadramento storico. E infatti, non per la prima volta, ma per la prima volta in simili proporzioni di quantità, in simili precisioni di indicazioni e in simili modalità di attuazione, l’evento per la pace ha coinvolto tutto quanto il mondo e, grazie anche all’ausilio dei nuovi mass – media, ha incontrato l’adesione concreta e operativa di milioni di persone semplici e pure, anche di tantissimi non credenti, come me, ma di buona volontà, come io stesso qui in questo spazio insieme a molti di voi siamo stati testimoni, oltre che noi stessi protagonisti. Hanno pregato insieme uomini e donne di tutte le fedi, superando concretamente divisioni anacronistiche, comunque intolleranze assurde, che già fin troppo orrori hanno prodotto nel corso dei secoli, perché se ne aggiungano in loro nome degli altri, come purtroppo continua ad avvenire. Bellissimi anche i metodi di lotta selezionati e adoperati: la non violenza certo, in particolare il digiuno, il silenzio, la meditazione(la preghiera), che mi sembrano, come dimostrato dalla Storia, i più efficaci a raggiungere obiettivi concreti e precisi. Ma c’è dell’altro, c’è di più, c’è molto di più, per quanto non lo abbiamo capito i nostri governanti asserviti al potere, in primis il nostro governo bi-letta. *** Parlando e scrivendo ieri con tanti, in colloquio col mondo tramite questi preziosi nuovi mezzi di comunicazione, mi venivano da taluni avanzate perplessità che del resto ben condivido anche io, a proposito del pacifismo della Chiesa, quel pacifismo all’acqua di rose, generico e inconcludente, formale e vacuo, con cui si sono levati fino ad ora appelli per lo più isolati, passati nel tritacarne mediatico dell’informazione senza rilievo, per quanto autorevoli, come atto dovuto, senza conseguenze. Ieri e ieri per la prima volta, no, tutt’altro. Allora, intanto, c’è stata la partecipazione, la condivisione operativa, la collaborazione su scala planetaria dall’eco fortissima di cui ho detto. Ma c’è di più. Ieri, nel corso della lunga serata mondiale fra gli uomini di buona volontà, il Papa non si è limitato ad evidenziare che la guerra non è mai una soluzione, ma, sia pur con la cautela per un compito che non gli compete, ha avanzato “la” soluzione, accennando con sufficiente chiarezza alla possibilità di schierare un contingente internazionale che si frapponga fra le due fazioni in lotta in Siria, eviti altri massacri e piano piano riporti la civile convivenza e la scelta democratica del popolo con i voti, non con le armi. Un po’ quello che è avvenuto in Libano sotto l’egida dell’ Onu, quando l’ Onu sa essere autorevole e rispettato, ma soprattutto giusto, come oramai avviene di rado. *** A proposito, parlando e scrivendo fra i miei referenti internazionali, leggendo e documentandomi, credo di avere un quadro chiaro di quanto è avvenuto in Siria, dove c’è un regime eletto democraticamente, che assicura stabilità e per quanto possibile prosperità al suo popolo, ma che non è sotto il controllo economico, finanziario e militare della superpotenza imperialista americana, e per questo finito sotto le sue mire egemoniche, con l’obiettivo di distruggerlo. Pensate un po’, per favore: gli oppositori di Bashar Al Assad sono fazioni retrograde dell’ Islam finanziate da alcuni paesi Arabi “amici” dell’ Occidente, che però usano quelli che l’ Occidente considera in altri scenari terroristi di Al Qaeda, oltre a mercenari prezzolati, raccattati da ogni dove, e che l’America, distruggendo il regime del legittimo presidente Assad, porterebbe al potere in Siria: un po’ come è avvenuto in Afghanistan, dove, come è noto, il tanto temuto Osama Bin Laden, fu pagato, allevato e coccolato dagli Americani, prima che si rivoltasse contro di loro. Quanto alle sedicenti ragioni umanitarie…Ma per favore! Ammesso e non concesso che le abbia usate Assad – ma a me risulta l’esatto contrario - parlano gli Americani contro le armi chimiche! Come se le armi chimiche fossero più brutte delle due bombe atomiche che essi unici nella Storia hanno lanciato per di più inutilmente contro gli abitanti inermi di Hiroshima e Nagasaki! O delle bombe al napalm con cui hanno bruciato le foreste del Vietnam e i loro abitanti! O, tanto per venire ad anni più recenti, dei proiettili all’uranio arricchito con cui hanno ucciso – e per gli effetti procrastinati nel tempo- continuano ad uccidere in Jugoslavia, in Iraq, in Afghanistan, in Libia e come ora vogliono fare in Siria, e, insieme alla Siria, con l’ Iran(e anzi io credo che il secondo, ma più importante obiettivo americano, dopo la Siria, soltanto di facciata, sia proprio la distruzione del regime iraniano). Poi, non se ne più di questi usa sceriffo del mondo, di questi interventi umanitari che sconvolgono milioni di vita e, in nome della sedicente democrazia, portano lutti e distruzioni, in realtà soltanto per obiettivi economici, finanziari e geopolitici. Basta! *** Ecco, per ritornare a quanto è avvenuto ieri e nella giornata di oggi. Per la prima volta, il papa ha parlato dei mercanti di armi e ha individuato in essi i veri responsabili delle guerre. Più chiaro di così!! Questo concetto si trova in tutti gli scritti di Ezra Pound, il quale ben conosceva i suoi connazionali, e ben capì che i presidenti – tutti: democratici o repubblicani che siano – negli Stati Uniti d’America sono eletti con il contributo in primo luogo delle industrie di armamenti e dei mercanti di morte, e se vince l’uno, o l’altro, cambia al massimo il tipo di armi usate, in relazione all’eletto appoggiato da questa fabbrica di missili, o quella azienda di bombe. Ecco, devono usarle, le armi, devono “consumarle” e basta solo trovare, o inventare il pretesto, da buoni servi dei mercanti e dei banchieri. Si parva licet componere magnis, in tutte le mie riflessioni che da anni vado scrivendo per promuovere quello che a me sembra l’obiettivo principale di tutti noi testimoni del tempo, per le giovani generazioni, e cioè costruire la cultura della pace, il punto di partenza è appunto, secondo la lezione poundiana, che i responsabili della guerra sono i mercanti di armi e gli speculatori finanziari. Ora per la prima volta l’ha detto a chiare lettere il Sommo Pontefice, e scusate se è poco. Come non è poco l’isolamento politico che le giornate di ieri e di oggi hanno prodotto in Barac Obama. Faccia un passo indietro, a questo punto! Non abbia paura di avere coraggio! Meriti nei fatti quel premio Nobel per la pace che gli assegnarono in maniera incomprensibile, più che vergognosa! *** Staremo a vedere che cosa succederà. Ma dopo le giornate di ieri e di oggi, sappiamo ora di essere in tanti, a volere la pace, a volerla concretamente in nome della giustizia sociale e dell’autodeterminazione dei popoli, ad avere tanti alleati anche così prestigiosi e soprattutto ad avere anche noi le armi efficacissime dei nuovi mass media, della non violenza, della meditazione, del confronto, della condivisione.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (136)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 04/09/2013 @ 20:33:24, in blog, linkato 789 volte)
E’ doveroso da parte nostra guardare comunque sempre con attenzione a quanto ci riporta la cronaca, per vedere che cosa cambia, nel bene, nel male, nella nostra vita quotidiana. Succede spesso che un fatto diventi occasione di analisi e dibattito, magari per mesi, se non per anni, su tutti i mass media. Ce ne sono altri invece che vengono presto dimenticati in quello che abbiamo imparato a chiamare il nostro immaginario collettivo. Un delitto efferato degli ultimi mesi, risolto negli ultimi giorni, è stato già dimenticato. Però non doveva essere dimenticato, a mio avviso e adesso proverò a spiegare perché, cercando pure di essere sintetico, andando a fondo, credo da buon giornalista e scrittore, a quel che c’è dietro, per conoscere la vera ragione delle cose, anche perché è soltanto l’ultimo episodio di una vera e propria emergenza, un vero e proprio costo, e anzi che dico costo? Una vera e propria piaga sociale, di cui sono responsabili Pd e Pdl e se avrete la pazienza di seguirmi vi dirò perché…Perché poi tu puoi anche non interessarti di politica, ma tanto la politica si interessa di te, la politica decide e decide spesso malissimo, perché i politici sono diventati servi degli affaristi, dei mercanti, dei banchieri, nel silenzio assordante dei mass – media, a loro volta servi sciocchi del potere. E’ successo che a Saronno la titolare di una gioielleria è stata uccisa barbaramente nel corso di una rapina finita male. Poco dopo, il responsabile, un giovane di origini salentine, è stato arrestato e ha confessato: non voleva ucciderla, aveva soltanto un disperato bisogno di soldi e infatti era andato subito dopo il colpo a farsi dare mille euro da uno dei tanti negozi di ‘compro oro’ spuntati nella tristezza d’insieme a ogni angolo, senza controlli e rimedi, ma questa è un’altra storia, per quanto anch’essa desolante. Dal Salento, il povero padre non ha giustificato il figlio, no, ma ha cercato di spiegare che cosa era scattato nella testa di quella sua creatura, prima così a modo, tanto da aver prestato servizio pure nei Carabinieri: era scattata la disperazione, ed era scattata la disperazione, perché si era rovinato perdendo e indebitandosi in quella truffa sistematica e legalizzata costituita dalle macchinette dei video poker, che, come ognuno può agevolmente constatare, sono spuntate negli ultimi anni proprio dappertutto, una parcellizzazione dell’azzardo rovinoso, con tantissime sale dedicate e un’incredibile quantità di apparecchi piazzati in tutti i locali pubblici, senza regole, o controlli. Il risultato è stato catastrofico, perché non è nemmeno un gioco, o un concorso, è una vera e propria truffa, che arriva a colpire nella psiche dei malcapitati, impadronendosene, fino a portarli a consumare ogni bene in loro possesso e poi portarli alla disperazione, causa di tanti suicidi, di tanti lutti, di tante rovine, una vera e propria emergenza sociale, che negli ultimi anni ha già coinvolto, direttamente, o indirettamente, milioni di persone. I mass media hanno riportato la spiegazione – denuncia del povero papà. Ma nessuno ha cercato di spiegare il perché nessuno faccia niente, nessuno intervenga, nessuno prenda un qualche provvedimento, contro i gioco d’azzardo, sia quello per strada, sia quello su internet, sia quello più o meno legalizzato, che però sempre truffa, anzi, manipolazione e circonvenzione rimane. Con ciò, sia chiaro: non voglio giustificare nessuno. Non voglio fare psicologia da diporto, o sociologia all’acqua di garofani: voglio fare il giornalista, voglio scrivere del perché delle cose. Io lo so il perché nessuno – cioè: chi dovrebbe prendere provvedimenti: cioè i politici – fa niente, contro le società commerciali che muovono il gioco d’azzardo nelle sale, nelle televisioni, sul web. Perché queste società hanno lautamente finanziato, sia legalmente, sia meno legalmente, partiti dei governi di centro – sinistra e di centro – destra che si sono alternati negli ultimi anni e fondazioni, cioè apparati personali, dei loro esponenti. La ciliegina amara sulla torta della desolazione: il provvedimento del governo bi - Letta di pochi giorni fa, con cui sono stati condonati a queste società centinaia di milioni di euro dovuti allo Stato, mentre tutti siamo chiamati a un carico fiscale sempre maggiore, per di più presi in giro da false cancellazioni e da false promesse. Così stanno le cose, in questa Italia della così detta seconda Repubblica, ancora governata dal regime del centro – sinistra e del centro – destra contrapposti in maniera fittizia, altro che amene facezie e veleni sparsi dai nostri mass – media asserviti al potere! A che gioco giochiamo? Ognuno di noi torni per favore a interessarsi veramente e attivamente di politica e faccia qualcosa, ognuno quel che po’, per gli altri, ma per sé stesso. E nessuno resti indietro.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (133)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Itamar Serpa Fernand...
19/10/2017 @ 09:08:44
Di Traci
[url=http://onlineca...
19/10/2017 @ 09:06:02
Di RichardAgozy
Luiz Fernando Montei...
19/10/2017 @ 09:04:21
Di Cathy

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


19/10/2017 @ 09:10:17
script eseguito in 564 ms