Immagine
 PERPLESSO/ L'ex ministro Rocco Buttiglione, ora candidato a sindaco di Torino per la Casa delle LIbe... di giuseppe
 
"
Noi siamo letterati ed artisti, e siamo uomini pensanti e responsabilmente coinvolti nelle cose che cupamente ci attorniano. Traiamo la nostra legittimazione più profonda ed individuata dalla visione, dall’emozione, dalla persuasione della sacralità, dell’identità, della socialità nazionale ed europea. Questo è il nostro mondo e per questo noi viviamo e ci battiamo.

Sandro Giovannini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 13/07/2013 @ 19:52:26, in blog, linkato 840 volte)
Per uno di quei contatti casuali –ma mai niente avviene per caso – di cui spesso Facebook è artefice diretto o indiretto, mi sono ritrovato a firmare una petizione (che, intendiamoci, vale poco e punto nella pratica concreto, ma molto e assai nel significato politico) e collegato via mail ( avaaz@avaaz.org ) alla associazione che se ne è fatta promotrice. Il problema è noto, l’iniziativa un po’ meno. I nostri telegiornali e i nostri giornali ci informano poco e punto di quanto avviene in Parlamento a opera del regime Pd-Pdl che ci governa, e invece dell’opposizione dei cittadini deputati e senatori del M5S che fa onore a tutti loro. Si tratta dell’acquisto assurdo e a cifre folli, su cui il governo biletta servo dell’alta finanza internazionale ovviamente concorda, di aerei da combattimento di cui non abbiamo bisogno alcuno, non solo, a parte ogni altra considerazione etica, ma pure dall’incerto funzionamento e per di più e infine a un costo astronomico, risparmiando sul quale si potrebbe togliere buona parte del nostro debito pubblico, o alleggerire la pressione fiscale sui ceti medi immersi, o aumentare le pensioni sociali, o i dare i sussidi di disoccupazione, e così via. Ma non è dello specifico degli F35 che voglio parlare, no. Credendo di poter interpretare il pensiero dei trecentomila firmatari della petizione contro l’acquisto da parte dell’Italia degli F35, in quello che vi prego di considerare un gesto di modestia e non di presunzione, voglio dire delle ragioni etiche che stanno dietro a tutto questo e delle strade ancora lunghissime da percorrere per arrivare al traguardo della pace. *** Per noi contemporanei, per noi postumi di Hiroshima e Nagasaki, per noi approdati al nuovo secolo e al nuovo millennio, proprio questa è la metà, capace di nobilitare l’umanità: costruire una cultura della pace e far cadere finalmente senza “se” e senza “ma” ogni idea possibile di guerra. La guerra deve diventare un tabù, un elemento negativo in toto, da esecrare e da annullare come pratica in ogni dove, come è oggi, per esempio, lo schiavismo: e quanti secoli ci sono voluti per arrivare a considerare tale lo schiavismo! Bene, è ora che tale considerazione universale arrivi anche per la guerra. Per questo non ci sono piaciute le dichiarazioni piene di retorica e di ipocrisia, quindi di una violenza ingannatrice inaudita, le solite dichiarazioni, lo stanco repertorio che ogni volta i politici snocciolano come granelli di un rosario laico. Non è questione di centro-destra, o di centro-sinistra, anzi. Romano Prodi riuscì a essere peggiore anche in questo. Ancora, anzi, il momento in cui l’Italia è stata più in guerra dal 1945 a oggi è stato col governo di Massimo D’Alema, il quale, nel 1999, fece attivamente partecipare l’ Italia alla criminale distruzione operata dagli Americani della Jugoslavia, fra l’altro a pochi chilometri dai nostri confini e con le basi operative nel nostro territorio: ecco come egli stesso rivendicherà con orgoglio e con chiarezza tre anni dopo quanto successe: ”Vorrei ricordare che quanto a impegno nelle operazioni militari noi siamo stati, nei 78 giorni del conflitto, il terzo Paese, dopo gli USA e la Francia, e prima della Gran Bretagna. In quanto ai tedeschi, hanno fatto molta politica ma il loro sforzo militare non è paragonabile al nostro: parlo non solo delle basi che ovviamente abbiamo messo a disposizione, ma anche dei nostri 52 aerei, delle nostre navi. L’Italia si trovava veramente in prima linea.“ Io vorrei ricordare infine, per quanto riguarda la sinistra radicale, che i vari Pdci e Rifondazione comunista – che pure all’epoca si divisero – hanno poi sempre sostanzialmente sostenuto tutte le scelte compiute dai governi di centro-sinistra, e questo storicamente, dalle “operazioni di polizia internazionale” in Iraq, quando erano in Parlamento. Quanto alle più recenti “missioni di pace” in Afghanistan, come con patetici eufemismi sono generalmente chiamate le guerre al servizio dell’imperialismo americano al tempo della globalizzazione che abbiamo e stiamo attuando, col pretesto di “portare la democrazia”, ristabiliamo la realtà, ridiamo un senso alle parole: si tratta di scusa bella e buona per coprire interessi economici e strategici ben precisi. Non ce l’abbiamo poi, sia chiaro, con i soldati americani: vengono dalle famiglie più povere, dalle periferie diseredate e sfortunate e, per sfuggire alla miseria e all’emarginazione, sono anch’essi vittime, come quelle che vanno a provocare all’estero, soprattutto fra le popolazioni civili, vecchi, donne e bambini. Ce l’abbiamo con i banchieri, i fabbricanti di armi, e i politici, democratici, o repubblicani che siano, americani, loro servitori. Nessuno poi si permetta di dirci che non abbiamo a cuore i soldati italiani: li abbiamo a cuore, fremo per loro, perché i soldati italiani sono i figli del popolo, e so che essi ancora di più vanno a combattere, a soffrire, e spesso a morire lontano da casa per lo stesso motivo che, come una scelta obbligata, ha spinto o loro coetanei americani: trovare uno stipendio, un lavoro per vivere, che altrimenti non potrebbero avere. A maggior ragione, che i più vengono dal Sud; molti, poi, moltissimi, da quel Salento dove stanno le nostre radici. Li abbiamo visti da vicino, i soldati italiani che hanno combattuto in Jugoslavia e in Iraq, e che combattono ora in Afghanistan, lasciando stare il Libano e tutto il resto; li abbiamo guardati nei loro occhi lucenti, nei loro volti puliti; e abbiamo parlato a lungo con loro, magari in dialetto, in uno dei lunghi e caldi pomeriggi d’estate, al mare, sotto l’ombrellone, o seduti al tavolo di qualche pizzeria, d’inverno, a dicembre, o gennaio, insieme agli amici, quando, periodicamente, ogni volta ritornano a Lecce: e li abbiamo sentiti fratelli. Sono figli di muratori e di contadini, che si guadagnano la giornata, quei pochi euro, senza assicurazioni, contributi, mutue e ferie ( altro che gabbie salariali!) quando pure viene loro pagata, cocendo la pelle al sole scottante, e raffreddandosela sotto la tramontana, per dieci ore al giorno. Non è questo il punto. Il punto è che ci manca ancora quasi del tutto la cultura della pace di cui dicevamo prima e che dobbiamo urgentemente cominciare a costruire. Vorremmo invece ricordare quello che recita l’articolo 11 della nostra Costituzione, cioè le fondamenta del nostro ordinamento civile e sociale: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. Ecco, no? Netto, preciso. Non c’è proprio niente da aggiungere, o da levare; niente da interpretare, o da discutere. C’è soltanto da rispettare, cosa che non hanno fatto tutti i nostri Presidenti del Consiglio e Presidenti della Repubblica ( e proprio essi! ) dal 1990 ad oggi. E finalmente usare l’esercito a scopi sociali, nelle guerre che combattiamo quotidianamente e stiamo regolarmente perdendo tutti contro criminalità, degrado e povertà endemica. *** Certo, sono processi lunghi e difficili, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. Ognuno di noi può farlo, cominciando, per esempio, a capire di una contabilità nemmeno più drammatica, bensì mostruosa, se presa dalla guerra in Iraq, agli attacchi di Israele ai danni dei Palestinesi, fino alla Libia, passando dalla Siria e arrivando all’Afghanistan ancora in corso: si tratta di centinaia di migliaia di vecchi, di donne, di bambini, estranei e innocenti, caduti sotto le bombe con cui gli Americani credono di poter esportare la “democrazia” e il modello neocapitalista della globalizzazione. Cioè i banchieri, cioè i fabbricanti e i mercanti di armi: e “Non ci sono guerre giuste”, come diceva e scriveva in un verso dei suoi Cantos Ezra Pound spiegando poi che fintanto che ci saranno ingiustizie sociali ci saranno sempre guerre e che non ci può essere la pace senza giustizia sociale, o almeno un sistema economico più equo, una ridistribuzione delle ricchezze e dei beni almeno più corretta. Ognuno continui poi come può. Cercando, per esempio, su internet quelle notizie che i nostri giornali e i nostri telegiornali non danno: scoprirà così che ( altro che “missione umanitaria”! ) in Afghanistan è in atto una vera e propria guerra, quindi dolore, distruzione, morte e sofferenze quotidiane. Parlando con sé stesso, con i proprio amici, parenti, e conoscenti. Anche così, semplicemente, come abbiamo cercato di fare noi qui adesso con noi stessi e con tutti voi, che avete avuto la pazienza di leggere questa nota. Di tutti i tagli di spesa e le manovre varate dal nostro governo, nemmeno una è stata indirizzata a ridurre le spese militari correnti, specialmente quelle per le così dette “missioni umanitarie”, che in realtà sono vere e proprie guerre al servizio degli Stati Uniti. Così, mentre in Italia la crisi viene fatta pagare ai più deboli e ai ceti medi sempre più poveri, all’estero le criminali campagne militari statunitensi non hanno risolto proprio niente di quello che a parole avrebbero dovuto risolvere, esportando, a suon di bombe micidiali, la così detta democrazia, ma anzi hanno aggravato la situazione, gettando quei Paesi nel terrore, nella disperazione, nella povertà. Fra l’altro, continuano a fare vittime civili, su vittime civili. Soltanto gli industriali e i mercanti di armi si fregano le mani: quelli che sostengono il presidente Obama e gli interessi neoimperialisti degli Americani. Il guaio è che più o meno direttamente con loro ci siamo anche noi Italiani. Berlusconi e Fini, Prodi e D’Alema, Monti e Draghi, adesso il biletta, questo mostro partorito da anni di finta contrapposizione finita nella naturale, per quanto orrenda evoluzione logica: non è cambiato niente. Che la smettano almeno di raccontarci la favoletta ipocrita dei nostri soldati che sono andati al fronte a distribuire le caramelle e i cioccolatini ai bambini. I nostri soldati sono andati in Iraq e in Afghanistan ad aiutare le truppe di occupazione americane. Sono andati a fare la guerra. Una guerra assurda, senza motivo. Una guerra degli Americani che uccide donne e bambini vittime innocenti. Questa è la guerra. Non ci sono guerre giuste. L’unica certezza, l’ultima speranza è che si affermi la cultura della pace. Una cultura che consideri la guerra un tabù, qualcosa di esecrando, da estirpare senza se e senza ma, da considerare come oggi si considera la schiavitù, la legge della jungla, l’incesto. E’ un processo lungo: in fin dei conti, per esempio, la schiavitù ha dominato incontrastata per millenni e per secoli e relativamente da pochissimo, da pochi decenni, essa è stata almeno legalmente bandita. Ora, tocca alla guerra: è la sfida del nuovo secolo e del nuovo millennio. Le nuove generazioni dovranno impegnarsi e riuscirci. Ma noi, pure noi, dobbiamo pur cominciare in qualche modo. *** “Inventing Peace Another focus in my lab is what we call “peace innovation.” We’re investigating how technology can help change attitudes and behaviors in ways that bring about global harmony. We know this is an idealistic project and we may fail. But given the state of the world, choosing not to pursue this line of research would be irrational. I created a Stanford course on Peace Innovation, and I was pleased with how the students performed. We’ve starting solving a big piece of the puzzle: creating simple and reliable methods to measure peace-related outcomes. (da:ww.bjfogg.com) Sono parole di BJ Fogg, studioso dei nuovi mass media e delle tecnologie della persuasione contemporanee, fra i cui strumenti ci sono, come è noto, i social network, fra cui Facebook e un po’ tutti i blog. Ne mette in risalto le straordinarie potenzialità di comunicazione di idee e di diffusione di ideali. Ne ha uno anch’egli, lanciato con l’ Università di Stanford. Costruire la pace nel mondo e, fedele ai propri insegnamenti, sui grandi traguardo da raggiungere a piccoli passi, costruire la pace nel mondo entro i prossimi trenta anni. Noi pensiamo che trenta anni siano pochi, che ne servano almeno trecento. Però è vero. Le grandi rivoluzioni non avvengono da un giorno all’altro, le grandi rivoluzioni avvengono nell’arco di molti e molti anni prima e dopo le date – simbolo. Ci sono voluti secoli per, per esempio, abolire la schiavitù e le leggi razziali: nei tanto additati a campioni di libertà Stati Uniti d’America – giova ricordarlo – le ultime leggi razziali sono state abolite negli anni Sessanta, appena cinquanta anni fa. Quando la Francia massacrava gli Algerini. Ancora negli anni Settanta, gli Inglesi campioni di democrazia finivano di sterminare le popolazioni autoctone dell’Australia. Vogliamo dire questo: ci sono i contesti storici e i processi storici che hanno i loro modi e i loro tempi, di cui bisogna sempre avere lucida consapevolezza, storicizzando quello che ci si trova ad affrontare. E vogliamo dire soprattutto quest’altro: è a gente come BJ Fogg che vanno dati i Nobel per la pace, perché hanno avviato una grande rivoluzione epocale, di cui sono e saranno protagonisti attivi tutti coloro che, soprattutto nelle giovani generazioni, questa grande rivoluzione epocale, di costruire la cultura della pace, giorno per giorno si fanno artefici, anche semplicemente scrivendo, o leggendo, o diffondendo, qualche notizia, o qualche commento, su un qualche sito web. *** Quanto ci sia ancora da fare per costruire una diffusa e condivisa cultura della pace viene quotidianamente testimoniato dal silenzio assordante con cui l’informazione ufficiale copre quanto continua ad avvenire in Afghanistan, dove, come è noto, con il pretesto di scovare presunti terroristi, gli Stati Uniti d’America e i loro servi alleati hanno esportato una lunga e sanguinosissima occupazione militare, al fine consolidare i propri interessi economici e strategici e soddisfare le industrie di armi, oltre che quelle del petrolio, che sorreggono il potere e l’intero sistema, esattamente come avevano fatto in Iraq. Una guerra dai costi ingenti, che però ha fatto la fortuna dei mercanti di morte e dell’alta finanza internazionale, a danno del popolo americano, la cui soglia di povertà continua quotidianamente ad innalzarsi, come del resto in Italia. Gli stessi costi in termini di vite umane sono paurosi, pagati dai figli del popolo povero, da cui provengono i soldati americani mandati a morire in oriente, in termini di migliaia; e pagati soprattutto dal popolo iracheno, in special modo civili innocenti, vecchi, donne e bambini, in termini di centinaia di migliaia di morti, dalle seicentomila al milione di vittime. Fra Afghanistan e Iraq non c’è differenza. Col pretesto della lotta al terrorismo, IN REALTA’ PER ESPORTARE IL LORO PREDOMINIO E PER USARE LE ARMI DELLE LORO INDUSTRIE, gli Americani hanno fatto migliaia di morti e decine di migliaia di feriti fra la popolazione civile, hanno aggredito e distrutto Stati sovrani, hanno aperto conflitti civili sociali inenarrabili e hanno provocato un’instabilità senza rimedio. Come hanno fatto gli Israeliani in Medio-Oriente.. Sempre col pretesto della lotta al terrorismo. Come ha detto qualcuno, state anche voi qualche anno senza casa, senza terra, senza vestiti, senza cibo e senza prospettive e poi vedete se non diventate anche voi terroristi. Non ci sono guerre giuste. Ci vorranno decenni, forse secoli, perché l’umanità conquisti la cultura della pace, che la parola guerra diventi tabù. *** Fa paura la guerra. Sarebbe bastato anche un solo morto per gli effetti indiretti delle armi all’uranio usate dagli Americani, accanto ai quali sono dieci anni che i soldati italiani combattono, al servizio dei loro interessi economici e strategici, dalla Serbia, al Kossovo, dall’Iraq, all’ Afghanistan. Secondo il ministro della difesa Arturo Parisi, che ne riferì in Parlamento, nell’ormai lontano 2007 – ma è l’unico dato ufficiale esistente – sono “appena” 37 e 255 gli ammalati di gravissime patologie. Secondo i famigliari, 170 e 2000. Questo, per dire soltanto dei militari italiani, molti dei quali salentini. Ma quelli delle altre Nazioni son forse meno importanti? E le popolazioni civili colpite direttamente? Bisogna costruire la cultura della pace, che consideri la guerra una ipotesi inverosimile, il massimo della disumanità: il prossimo traguardo, nel nuovo secolo e nel nuovo millennio, di civiltà per l'intera umanità.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (216)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
how to calculate exc...
17/11/2017 @ 20:03:20
Di Parthenia
beasiswa Pns 2016
17/11/2017 @ 20:01:22
Di Lloyd
r https://viagragrn....
17/11/2017 @ 19:57:57
Di FrankJek

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


17/11/2017 @ 20:04:47
script eseguito in 578 ms