Immagine
 LETTERARIO/ Pur senza la luna e i falò, il paesaggio intorno a Santo Stefano Belbo, il paese ... di giuseppe
 
"
"Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono niente, o non vale niente lui".

Ezra Pound
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 02/03/2013 @ 15:08:51, in blog, linkato 1282 volte)
Marco Bava, rimbalzato di nuovo agli onori e gli oneri delle cronache, in seguito alla sentenza del Tribunale di Torino di due giorni fa, di cui desidero farvi partecipi, perché, come proverò a spiegare, di grande importanza, è una persona straordinaria. Eccezionale veramente. Dovreste conoscerlo, per poi o restarne affascinati, o decidere subito di non volerlo rivedere mai più. Io ne restai affascinato, perché mi piacque e da allora, e son passati oramai quattro anni, sono restato sempre in contatto con lui, in un modo o nell’altro. Al costo sempre di lunghi contraddittori, a volte di estenuanti discussioni, continuando a darci del “lei” come il primo giorno, ma comunque in contatto. Ogni cosa che dice -ed è appunto per questo che mi piace- è interessante, fa pensare, provoca reazioni intelligenti a catena, anche se poi bisogna articolarla, verificarla, postillarla, prosciugarla, e ogni volta è un lavoraccio, credetemi. Io gli rimprovero di fare a volte confusione inutile, di prestarsi sovente a polemiche controproducenti, magari di isolarsi e così fare il gioco cattivo dei tanti nemici che si è fatto, gridando verità scomode, ma esaltanti, però tanto è inutile. Egli invece mi rimprovera di essere superstizioso, di non credere ai complotti, e soprattutto di non seguire i suoi consigli, e ha ragione, li seguo poco e punto. La prima volta, ancora me ne pento: mi convinse a demolire la mia amatissima “Nordsudovestest”, così si chiamava la mia macchina, una “Tempra” di colore verde smeraldo, che, per quanto provata e vecchissima, comunque funzionava, per sfruttare gli eco-incentivi che mi sarebbero così toccati, iscrivendomi ad un servizio di auto a noleggio, con presunta convenienza economica per me e vantaggi per l’ambiente tutto. Così feci, solo che i vantaggi – realizzai poi- erano proprio presunti, mentre invece ancora mi ricordo la mesta cerimonia del funerale di “Nordsudovestest” che andava alla rottamazione, agganciata al carro-attrezzi, e io che seguivo il feretro , a piedi, affranto, fra le strade meno male deserte di una Torino come me stremata nell’afa di agosto. Marco Bava gira in bici, coerente con le proprie convinzioni, per risparmiare sofferenze all’ambiente e al portafogli e per non far guadagnare le compagnie petrolifere. Solo che poi ogni volta non sa dove lasciare la bicicletta, e non può allontanarsi più di tanto, con conseguenti estemporanei discorsi in loco, o lunghe camminate fianco a fianco, con in mezzo il suo mezzo preferito. Va in macchina solo in casi eccezionali, come quella volta che da Torino andammo insieme a Casale Monferrato, andata e ritorno, per una conferenza, e fu un viaggio memorabile, visto che durò dal primo pomeriggio a notte fonda, per tante ragioni, specie l’ultima, sulla base delle sue convinzioni, per cui ebbe il coraggio di lasciarmi, nel gelo invernale di Torino, alla fermata dell’autobus dell’ultima corsa, che aspettai a lungo e intirizzito, per poter tornare finalmente a casa, come nell’”Anabasi” di Senofonte, come nell’ “Ultimo metrò” di Truffaut. Per non dire di quando, per un programma televisivo, andammo a Roma, in treni e in alberghi opportunamente separati… Vi voglio invece dire di come si definisce subito sul suo sito, che, malgrado le mie esortazioni, si ostina a gestire da solo, con esiti a mio modo di intendere allucinanti: “perseverante autodidatta con coraggio e fantasia , decisionista responsabile, antimarchionne, antiberlusconi, antichiamparino, antifassino, anticolaninno”. Perfetto. Tutto vero. In realtà da autodidatta ha due lauree, una in economia, ed infatti la sua attività principale – ma ne ha talmente tante, da rendere la scelta problematica- è l’analista finanziario ( capisce bene, anzi in questo è un vero e proprio genio, di bilanci, strategie aziendali et similia ) e l’altra in giurisprudenza, competenza acquisita non solo con gli studi, ma anche e soprattutto nella pratica, visto che ha sempre un processo in corso, a causa delle querele che si attira come mosche al miele in seguito alle sue prese di posizione pubbliche, di cui appunto, se ne avrete voglia, potrete trovare sul suo sito una fin troppo esauriente esposizione. La sua specialità però è di andare da piccolo azionista alle assemblee dei soci della Fiat e cantarle e menarle di santa ragione ai vertici della multinazionale, un po’ come ha fatto Beppe Grillo pochi giorni or sono all’assemblea dei soci del Monte dei Paschi di Siena. Ah, naturalmente in passato ha litigato pure con Beppe Grillo, adesso non so bene per quale ragione, ma non ci va d’accordo: Marco Bava ha litigato con tutti i politici, e pure con tutti i personaggi pubblici di questo mondo; l’unico con cui non ha litigato – almeno, finora, e magari succederà per questo blog che a sua insaputa gli sto dedicando – credo di essere io. Ma nel cuore di Marco Bava c’è una sola questione che lo sospinge e lo anime in tutto e per tutto, gli dà forza, entusiasmo, finanche, pur nella tristezza, la solita giovialità di vivere: stabilire la verità sulla fine di Edoardo Agnelli. Come sanno i lettori della mia inchiesta giornalistica “Ottanta metri di mistero – La tragica morte di Edoardo Agnelli” ( Koinè nuove edizioni, Roma, 2009) , in cui c’è una lunga intervista con lui – e fu l’occasione per cui ci conoscemmo - Marco Bava di Edoardo Agnelli fu il consigliere finanziario, ma soprattutto per lunghi anni fu vero e sincero amico. Fu il primo Bava nel 2000 ad avanzare dubbi motivati su quello che a caldo fu classificato come suicidio. Dopo l’uscita del mio libro, che in pratica ha riaperto il caso, fu il più accanito a smontare – alla luce degli elementi che raccolsi – la versione ufficiale. Dopo ogni nuovo libro, ogni nuovo film, ogni nuovo articolo che dal 2009 si sono nel frattempo susseguiti, senza soluzione di continuità, su questo e non certo marginale mistero italiano ancora irrisolto, Bava è sempre il più solerte a chiedere la riapertura delle indagini per omicidio. Lo farà pure – ne sono sicuro, e a maggior ragione - quando, a breve – e ve lo preannuncio contento, perché ho finalmente trovato un editore adeguato – uscirà il mio secondo saggio dedicato al caso, che si intitola “Un giallo troppo complicato?” e che contiene nuove, sconvolgenti rivelazioni: sarà la volta buona che la magistratura si decida ad indagare a fondo? Intanto la magistratura- ed è notizia di due giorni fa, importantissima, al di là del singolo caso, ma in quanto pronunciamento di merito su tutta quanta la faccenda– ha assolto Marco Bava dall’accusa di diffamazione intentatagli dalla Fiat per alcune sue affermazioni pubbliche riguardo la morte di Edoardo Agnelli. Il giudice Maria Sterpos scrive infatti nella sentenza assolutoria:” E' chiaro che se qualcuno si era assunto il compito di tutelare Edoardo Agnelli, non lo ha svolto in modo adeguato, sia che egli sia stato ucciso sia che si sia suicidato…Da sempre Bava ha sostenuto che Edoardo Agnelli è stato ucciso a causa presumibilmente di un suo scomodo ruolo negli equilibri di potere interni alla Fiat…Dubbi sulle circostanze della morte del figlio dell'Avvocato sono stati sollevati da molti". Queste adesso non sono più chiacchiere di bar, o articoli di giornali. Queste sono parole scritte da un giudice. Il caso è di nuovo riaperto. Fra poco, il mio nuovo lavoro, “Un giallo troppo complicato”, fermo da due anni, ma ora in pubblicazione, ricostruirà tutta la vicenda, a partire dai numerosi elementi da me raccolti in “Ottanta metri di mistero” ( che continuano a essere adoperasti da altri, spesso senza citarne la fonte, cioè io, ma va beh, che ci voglio fare? questo è il costume!) ma soprattutto fornirà nuovi, eclatanti e fondamentali motivi per poter arrivare finalmente alla verità.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (116)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Gia
20/09/2017 @ 12:53:35
Di Warren
cheap generic cialis...
20/09/2017 @ 12:45:18
Di Urball
Leroy
20/09/2017 @ 12:43:30
Di Monique

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


20/09/2017 @ 12:53:59
script eseguito in 432 ms