Immagine
 PAPARAZZATA/ La valletta Francesca Lodo ... di giuseppe
 
"
"...Contro tutto questo voi non dovete far altro che continuare semplicemente a essere voi stessi: il che significa essere continuamente irriconoscibili e continuare imperterriti, ostinati, eternamente contrari, a pretendere, a volere, a identificarvi col diverso; a scandalizzare; a bestemmiare...”.

Pier Paolo Pasolini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 16/04/2010 @ 20:05:36, in blog, linkato 1596 volte)

Internet è un mezzo prezioso, che in pochi anni ha rivoluzionato il nostro modo di essere, di informarci e di comunicare: posta elettronica, motori di ricerca, diffusione della cultura popolare, collegamenti audio/video gratuiti in tempo reale, blog, community e quant'altro sono soltanto alcune delle straordinarie opportunità offerte in tal senso e ormai consolidate negli ultimi anni, fino ad entrare nella quotidianità condivisa della nostra identità di contemporanei. Ma internet è un mezzo e quindi come tale di per sé neutro, il cui valore è dato dall'uso che se ne fa e che pertanto anche effetti oggettivamente negativi può produrre.

Senza scomodare il suo Maestro Marshall Mc Luhan, questa fondamentale verità va ricordata al professor Derrick De Kerckhove, che sostenne che My Space avesse inventato “strategie alternative di socializzazione”; mentre, dal canto suo, un altro professore, l'americano Edward Castronova, aveva esaltato l'importanza delle così dette realtà virtuali che si erano affermate negli ultimi tempi, quali veri e propri universi paralleli, sul web, tipo "Second life", tanto per intenderci, cioè la simulazione sotto falsa identità, in un mondo artefatto, una vera e propria seconda vita, appunto, proprio quando questo aspetto particolare si era andato dissolvendo, con la stessa rapidità con cui si era materializzato. Realtà virtuali assai deludenti, quelle dei così detti “social network”, va invece aggiunto, in cui trionfano esibizionismo, egoismo e frustrazione. Non c’era bisogno degli ultimi eclatanti esempi ripresi dalle cronache negli ultimi tempi, tipo i gruppi di sostegno alle violenze, o le vergognose ingiurie ai disabili, per accorgersene: internet sta assumendo questa brutta, assai negativa caratterizzazione di solletico agli istinti animaleschi, per cui si ci mette a cercare e purtroppo spesso a trovare, il peggio di sé. Poi, ancora, di fuga dalla realtà, una realtà dove sempre di più e sempre più spesso siamo incompresi, soli e senza speranze, a favore di paradisi artificiali in cui surrogati virtuali danno un apparente sollievo, per poi invece far sprofondare in condizioni peggiori di solitudine e di frustrazione.

Quanto a "My space" esperienze di frequentazione diretta portano a una valutazione anch'essa nella fattispecie negativa. In sintesi estrema, "My space" è un'accozzaglia di vetrine dentro ciascuna delle quali si agita, più o meno saltuariamente, a seconda dei suoi tempi e dei suoi modi: una persona che ha in testa di mettere in mostra quello che fa, e se non altro sé stesso, senza guardare cosa c'è nelle altre. Il trionfo dell'esibizionismo e l' egoismo elevato a sistema, quindi. Le vetrine dei profili sono poi compartimenti stagni, che non comunicano fra di loro. Come i bambini delle scuole elementari, tutti sono interessati a "farsi amici" un maggior numero di persone possibili: "Mi fai amico? Sì, ti faccio amico, ma tu mi fai amico a me?". Il brutto è che non c'è nessuna amicizia reale, nessun processo di conoscenza, di condivisione, di partecipazione, ma soltanto l'interesse materiale a poter così appiccicare la propria etichetta sulla vetrina del sedicente e presunto amico. Poi, c'è chi vende i suoi dischi, chi i suoi prodotti, per ogni settore merceologico, chi pubblicizza negozi e chi club prive; chi vende sé stesso, il proprio corpo, o il proprio cervello; chi si esalta occupando tutte le nicchie più incredibili di quelle che chiamano "perversioni" sessuali; chi pianifica truffe planetarie, cercando di agganciare i single per estorcere informazioni prima e denaro poi e chissà quante altre simili miserie. Infantilismo di ritorno, egoismo parcellizzato, conformismo elevato a sistema, stupidità diffusa di cui abbonda pure Facebook, come rilevato da un’altra sperimentazione, appena infelicemente conclusa, durata alcuni mesi.

E’ la moda del momento, che ha rapidamente soppiantato prima Second life ( che però era un vero e proprio bluff ) e poi My space, grazie all’effetto di amplificazione che ne hanno fatto, sempre per moda e per conformismo superficiale, un po’ tutti gli altri mass – media, giornali in testa, con quell’abbondante dose di ignoranza, dilettantismo, pressappochismo e fretta che contraddistingue ormai gran parte del giornalismo. Come tutte le mode, passerà anche questa, così come è iniziata: però, lascerà di sé ben poco. Anche Facebook è in buona parte un bluff, perché le stratosferiche cifre di adesione tanto strombazzate sono fittizie: una cosa sono gli iscritti, un’altra, ben diversa e nettamente inferiore, ma proprio inferiore, diciamo il 10% sono gli iscritti che lo usano con una certa regolarità. E fanno testi questi ultimi, non i primi. Quanto alla caccia al maggior numero di amici possibili, col tetto massimo imposto di cinquemila, per chi la pratica è un segnale non di prestigio, o importanza, ma di egoismo e menefreghismo, in quanto non si possono seguire con reciprocità e attenzione più di cento, centocinquanta amici, perchè oltre tale soglia diventa tecnicamente, materialmente impossibile.

Poi, gli utenti regolari sono irrimediabilmente afflitti dalle stesse sindromi di quelli di My space: l’aggravante è che mentre uno su My space si nascondeva di solito dietro un nick, qui su Facebook ci sta col proprio vero nome e cognome. Nonostante ciò, eccolo alle prese con i sondaggi più strampalati, con le adesioni ai gruppi più stravaganti, ed eccolo diventare fan di nani, saltimbanchi e ballerine. La peculiarità di questo sistema è che dovrebbe tenere in collegamento chi già si conosce: quindi, pure noioso è, ché almeno su My Space qualcuno/qualcuna sconosciuta che ti piaceva potevi conoscerla, e la speranza di farci qualcosa era sempre ben viva e presente. Qui il massimo della trasgressione è che ti ritrovi le ex fidanzate aggregate in aperta contraddizione con il motto vendittiano “amici mai”. Mogli in carica e fidanzate, o sedicenti, o presunte tali in carica, del resto vigilano, e si rovinano il fegato, oltre a rovinare poi il fegato e spesso anche altro dei loro rispettivi iscritti a Facebook, quando, per esempio, scoprono che il meschino mandò un messaggio ambiguo a una sua “amica” e la sventurata, come la monaca di Monza, rispose. Per non dire dei casini di proporzioni bibliche piantati e giustamente alla scoperta della risposta: “relazione complicata” che qualche altro meschino ha dato alla domanda di definire la propria situazione sentimentale. Ahimè, le relazioni di per sé sono tutte complicate e questa dicitura è poi un capolavoro di ipocrisia: vuol dire, oh, sono impegnato, ma non fa niente, voi provateci lo stesso! I peggiori di tutti, i politici, quelli che pensano che Obama abbia vinto le elezioni in America grazie a internet e sognano di fare le preferenze – là dove rimangono – grazie a Facebook. Con qualche lodevole eccezione: ne ho visto uno, per esempio, fare una discussione in tempo reale con tutti i suoi amici, per decidere le decisioni da adottare e cioè ecco un uso sapiente e lodevole, cioè uno strumento di democrazia partecipativa, un aggiornamento della tradizione delle assemblee di partito, senza limiti e confini.

Già, perché poi internet, social network compresi, nella fattispecie, se usato in alcune fondamentali e fenomenali applicazioni possibili, come le consultazioni sui temi in agenda, o i forum di partecipazione, fino alle votazioni, potrebbe essere la realizzazione dell’utopia della democrazia diretta, dove la piazza virtuale sostituisce e anzi sostanzia la piazza della polis greca: così, grazie a internet, i giovani di oggi potrebbero essere i veri democratici di domani. Intanto, però, su internet i politici, nella stragrande maggioranza, anche se magari semplici consiglieri di circoscrizione, o di enti utili soltanto a loro, credono di reggere sulle proprie spalle le sorti del mondo e, come se fossero tanti Martin Luther King, fanno collezione di seguaci e fans. Infine, per tutti, l’effetto Grande fratello. Il sottile piacere ( piacere? Mah… ) di stare sotto i riflettori, almeno questa è l’illusione che regala Facebook, facendo perdere il senso delle cose. Se piove, o c’è il sole, ecco un pensiero stupendo, spacciato come riflessione profonda sul senso della vita. Un litigio con la fidanzata, ricostruito quale evento fatidico. Oppure ecco l’elenco di quanto mangiato a pranzo e “apriamo il dibattito”, una fenomenale discussione, una delle tappe miliari della storia del pensiero del genere umano. Senza senso della misura, spesso senza nemmeno il senso del ridicolo e senza nessun rimpianto per le agende cartacee, i bigliettini, gli appuntamenti al solito posto.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (145)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
www.vector-marketing...
19/11/2017 @ 03:46:36
Di Lyle
Quantico episodes
19/11/2017 @ 03:43:00
Di Dani
Marco
19/11/2017 @ 03:36:27
Di Jed

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


19/11/2017 @ 03:47:20
script eseguito in 542 ms