Immagine
 La piantina per trovare facilmente via Peyron n.25 a Torinoe portarci i bambini a giocare davanti a ... di giuseppe
 
"
"...Contro tutto questo voi non dovete far altro che continuare semplicemente a essere voi stessi: il che significa essere continuamente irriconoscibili e continuare imperterriti, ostinati, eternamente contrari, a pretendere, a volere, a identificarvi col diverso; a scandalizzare; a bestemmiare...”.

Pier Paolo Pasolini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 30/01/2010 @ 16:58:16, in blog, linkato 2078 volte)

Come in precedenza il critico letterario francese Roland Barthes si era “divertito”, nel 1977, a ricavare dai personaggi dei romanzi una sorta di “summa” nel suo bellissimo, quanto impegnativo, saggio “Frammenti di un discorso amoroso” ( Einaudi ), così io nel 2006 cercai di fare lo stesso, aggiornamento incluso delle regole e teorie sull’argomento, nel mio libro “Breviario d’amore” ( Azimut libri ), partendo però dai protagonisti del “gossip” e dalle manifestazioni artistiche più popolari, come i film e le canzoni.

In particolare, dal “pezzo” di Jovanotti “Un raggio di sole” elaborai tutta una attualizzazione dei comportamenti di coppia scaturiti dalle vere e proprie modifiche epocali nel frattempo sopravvenute. In questi giorni ho sentito la nuova canzone del cantautore romano, “Baciami ancora”, inserita nel film omonimo, di Gabriele Muccino, come è noto “sequel” del fortunato “L’ultimo bacio”, da ieri nelle sale: di nuovo, dal brano musicale mi sono scaturite alcune considerazioni, che proverò qui di seguito sinteticamente ad esporre.

Intanto, mi è piaciuta la “tecnica narrativa”, del testo, di derivazione “rap”, in linea con lo stile di Jovanotti: un elenco di brevissimi flash che qui si fonde alla perfezione con il linguaggio cinematografico, a comporre, scatto dopo scatto, individuando i momenti più intensi, senza tempi morti, o di routine, appunto come in un film, “una vita in un giorno”, ogni giorno, insieme, un mosaico composito e completo di una storia d’amore, attraverso “…un’impresa impossibile…un riflesso di sole sull’onda di un fiume…un quaderno di appunti…una casa…un aereo che vola… un cielo…una stanza…un pensiero che sfugge…un errore perfetto…un diamante.. un difetto…un respiro profondo per non impazzire…”.

Poi – qui la difficoltà, brillantemente superata, con un puzzle che risulta alla fine luminoso, solare, gioioso – viene celebrato un amore maturo, una storia che da rivoluzione, dopo esaltazioni, dubbi, vicissitudini, è diventata istituzione: troviamo quindi la lucida consapevolezza della positività creativa e della poesia quotidiana che l’amore può sviluppare anche – e stavo per dire: soprattutto - nelle fasi successive a quelle iniziali dell’infatuazione, quando dal microcosmo a due si esce alla luce del sole e nel mondo, con la convivenza, sempre di per sé problematica, con le attività, con la quotidianità cui prima o poi ogni coppia è chiamata.

Voglio dire: è facile parlare, come di solito fan tutti, delle estasi e dei tormenti, degli afflati erotici e dei cuori che palpitano, quando le cose son facili e quando tutto appare rose e fiori; più difficile esprimere quanto e certo di più, pure di vera e propria felicità autosufficiente e autoalimentatesi, l’amore può dare nelle fasi successive, quelle della maturità faticosamente conseguita, a chi ne abbia una consapevolezza, raggiunta attraverso la sofferenza, perché “l’amore fa soffrire”, nel crocifiggersi per un altro, come ha scritto il filosofo Michael Quoist; e perché soltanto chi ha sofferto tanto, può amare tanto, come ha detto l’attrice Sandra Maggio.

Prima d’ora – si magna, la poesia, parvis, alle canzoni, componere licet – avevo trovato una capacità simile soltanto nelle poesie degli ultimi anni di Nicola Vacca, il grande, il più bravo e il più vero poeta d’amore dei giorni nostri, per sua moglie Serena.

Anzi, c’è qui ora una precisa indicazione: se l’amore può far mettere le ali e far volare idealmente i due protagonisti, “la giustizia del mondo punisce chi ha le ali e non vola” a inseguire tutte le onde del nostro destino”.

Mamma-amante-figlia-impegno”: poi, la femmina trova e dà la completa realizzazione.

E così “è l’amore che detta ogni legge”: proprio quell’ “amor che move il sole e le altre stelle”, nella splendida attualizzazione e valorizzazione che Jovanotti ne fa adesso per la nostra identità di contemporanei, direi a un livello sociologico e metapolitico, tanto per citare i metodi esplorativi e conoscitivi adoperati dal più interessante novista culturale che mi capiti di leggere ultimamente, Carlo Gambescia.

Infine – lo apprendo in questo momento - “son tornate le lucciole a Roma nei parchi” e me ne rallegro, perché lungi dal contraddire la celeberrima metafora di Pier Paolo Pasolini, ciò gli dà conforto e assume poi un valore allegorico: quanto basta e avanza per incaricare una profonda conoscitrice della città eterna, come la mia amica Elisa Donghi, di preparare per tempo una mappa dettagliata, che permetta di esplorare e attestare in loco il mirabolante fenomeno, magari con le foto di Giulio, non appena passerà questo lungo inverno non tanto qui al Nord, quanto al Sud, dove fra poco tornerà la primavera.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (248)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Quantico episodes
19/11/2017 @ 03:43:00
Di Dani
Marco
19/11/2017 @ 03:36:27
Di Jed
wine glasses
19/11/2017 @ 03:35:48
Di Mohammad

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


19/11/2017 @ 03:45:43
script eseguito in 534 ms