Immagine
 NEGATO/ In nome dell'antifascismo, con odio e violenza, il dibattito programmato nei giorni scorsi a... di giuseppe
 
"
Noi siamo letterati ed artisti, e siamo uomini pensanti e responsabilmente coinvolti nelle cose che cupamente ci attorniano. Traiamo la nostra legittimazione più profonda ed individuata dalla visione, dall’emozione, dalla persuasione della sacralità, dell’identità, della socialità nazionale ed europea. Questo è il nostro mondo e per questo noi viviamo e ci battiamo.

Sandro Giovannini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Quelli che segueno sono i miei commenti agli altimi post e alle ultime novità inerenti il blog:

QUELLA LUNGA CALDA ESTATE DEL '77 A LECCE

che io stesso ho "postato" in coda a quelli esistenti.

Li ho riportati amche qui in data odierna, ma per dare ordine alle nuove letture e ad eventuali successivi contributi, vi prego di seguire la traccia originaria.

E' facilissimo: dalla home page, in special blog, cliccando sulla foto o sul titolo

QUELLA LUNGA, CALDA ESTATE DEL '77 A LECCE

e sarete nella versione completa.

Grazie a tutti.

__________________________________________

Non replico mai ai “post” dei “naviganti” sul mio blog, anche perché non voglio avere l’ultima parola, bensì lasciarla liberamente agli altri: ma ogni regola ha la sua eccezione. Oggi si vede che era giornata…

Ho visto soltanto adesso gli ultimi commenti, dopo che, questa mattina, toh, mi ha telefonato il buon Roberto Tundo preannunciandomi di voler adoperare per il suo giornale ( la ormai mitica, nella sua puntualità e caparbietà, “Contea” ) questo articolo sugli anni di piombo a Lecce, e ne sono contento, anche perché la pubblicazione sulla “Gazzetta”– scoprii poi – fu parziale e anzi minima; poi perché l’iniziativa, nell’encomiabile intento del suo ideatore, non è occasionale, né vuol essere estemporanea, al contrario: prelude ad altre testimonianze che il buon Roberto solleciterà ai protagonisti dell’epoca, al fine di ricavarne anche un libro, che sarà sicuramente un buon, bel libro, in quanto di esperienze rivissute con la criticità dell’età matura: dunque e tanto più, non per il passato, ma per il futuro.

Un libro cui più volte, negli anni scorsi, sia Valerio Melcore, sia Angelo Scardia avevano pensato, senza riuscire a realizzarlo, travolti dalle loro tante e vulcaniche attività. Intanto, più che a te, che già lo sai, visto che vi sei, come si dice ora con una bruttissima parola – ma che farci? – “taggato”, a tutti gli altri che un abbozzo di discorso c’è già sul sito

http://destrasocialesalento.blogspot.com/2008/05/la-storia-siamo-noi.html

a opera di Giuseppe Stamerra, con qualche notevolissimo contributo, a parte i miei: ho trovato particolarmente bello quello di Graziano de Tuglie, pendolare da Nardò dalle 8 alle 20, ufficialmente per andare all’Università, in realtà per fare il militante: il racconto della sua corsa a perdifiato inseguito da un poliziotto quel 12 novembre è delizioso…

Volevo dire questo, e basta, senza voler replicare a niente e senza avere nessuna ultima parola: sono contento, Roberto, di quanto mi hai detto, e mi ha fatto molto piacere.

Giacché ci sono, grazie poi a Gianfranco Marciano. Mi ricordo tutto, certo. Quanto alle espressioni di Valerio, peccato soltanto, per doverosa auto - censura, non poter completare quel suo “A stu livellu quai…” con quel che seguiva, quando si trovava di fronte uno o l’altro dei ragazzi che, diciamo così, perdevano i freni inibitori… A proposito, in questi anni ho sentito uno dei tanti racconti di Valerio che secondo me è bellissimo, anzi, emblematico, profetico e profondissimo: di quando partecipò la prima volta alla Direzione nazionale del Fronte della Gioventù a Roma, e di cosa successe quando ci tornò la seconda volta…

Peccato soltanto che, pur a volerlo scrivere, perderebbe tanto, privato delle sue tipiche espressioni idiomatiche, anche se conserverebbe significati e significanti. Facciamo che se un giorno, magari in un dibattito, vorrà raccontarlo, io cercherò di spiegare che cosa ci vedo di politicamente importantissimo e di lucidamente profetico.

Ti abbraccio anche io, Gianfranco: rispetto le tue scelte, così come rispetto quelle dei tanti ormai ex quasi tutti “camerati”, con i quali – e soltanto con loro: con gli altri, litigo sempre con tutti e ne ho per tutti! – non riesco a litigare: non l’ho mai fatto e tanto meno mi metterò a farlo ora, qualunque siano state le mete raggiunte dai loro percorsi umani e politici di questi anni.

E sapete perché? Perché comunque me li ritrovo in memoria, e non soltanto quella del telefonino: perché abbiamo un destino in comune, un portato genetico scolpito dalla passione e dalle esperienze decisive. Chi ha fatto politica in quegli anni, sa che cosa è veramente la politica, che cosa almeno dovrebbe essere, al di là di quello che – ahimè – è diventata adesso, o di quello che, per tante ragioni, costringe a sopportare: ma qui ho detto e qui mi fermo.

Per quanto mi riguarda, ho smesso di fare politica attivamente nel 1991, quando Pino Rauti lasciò la segreteria del Msi; ho preso poi per inerzia la tessera di Alleanza nazionale i primi due o tre ami e basta; non ho mai avuto altri partiti; ho deciso di non avere più partiti, perché a me piaceva il Msi così tanto, che non me ne potrà mai piacere più nessun altro.

Ho scelto di mettermi a scrivere: ho fatto il giornalista; da grande ( ma lo sto già facendo: il futuro è già iniziato) farò lo scrittore, l’animatore e l’organizzatore culturale, e mi spiego. Credo nella divulgazione, nelle inchieste giornalistiche, nella magia dei libri e, ultimamente, ancora di più in quella, unica, irripetibile, straordinaria, del Teatro.

Tutto questo, per dimostrare che tutto un patrimonio ideale, là dove affondano le nostre radici, è vivo e attuale più che mai: e che senza radici non c’è equilibrio, non c’è crescita, non c’è futuro.

Anche a Luca, un saluto e grazie: e troverà da sé le risposte alle sue tante domande, e quelle che troverà egli stesso, saranno giuste, comunque le migliori. Mi resta la curiosità di sapere chi fosse la Carlotta Paiano che salvò Paolo dai comunisti assatanati caricandoselo al volo a bordo del suo “Ciao”; la nostalgia della scassatissima 124gialla che usavamo per andare a fare comizi e assemblee nel grande Salento, e vi assicuro che ognuno di quei tanti tragitti era ogni volta un’avventura straordinaria; e…Un minuto, giuro, soltanto un minuto, cosa non darei per risentire Terzo Reich arringare tutti noi in perfettissimo tedesco!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (219)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 18/07/2009 @ 12:53:27, in blog, linkato 1302 volte)

LE PAGELLE DELLA SETTIMANA

venerdì 10 luglio 2009

MATTEO SALVINI

Finisce in bruttezza, oggi, con una girandola di dichiarazioni pseudo – giustificatrici, che puzzano di falso e risuonano di in autentico lontano un miglio, una settimana disastrosa.

Giovane, almeno per l’età media della politica italiana, deputato ed eurodeputato leghista, milanese, nonché consigliere comunale della metropoli lombarda, in cui si era già segnalato per talune bislacche prese di posizione, trova, purtroppo per lui, ma soprattutto per noi, il suo quarto d’ora di celebrità martedì scorso.

Qualcuno segnala su “You tube” un video in cui alcuni giorni prima si era prodotto in una performance canora da ultras calcistico. Peccato che non si trovasse in curva a San Siro, durante “Milan-Napoli”, ma a Pontida, ad una manifestazione politica, per quanto delirante al solito su una fantomatica Padania, del suo partito.

Così, finisce su tutti i telegiornali e su tutti i giornali, mentre, un po’ alticcio, circondato da un gruppetto di seguaci, con un boccale di birra in mano, all’improvviso, nel bel mezzo della combriccola che nemmeno ci pensava, intona del tutto gratuitamente un ritornello squallido, più che pesante, di esplicito contenuto razzista, rivolto contro i Napoletani.

Roba al cui confronto le performance erotiche di Silvio Berlusconi, pur gravi e grevi nei significati e nei significanti, diventano peccati veniali.

Si pensi un attimo, per esempio, a quanto abbiano apprezzato il coro leghista gli attuali terremotati dell’Aquila. Ignora del tutto Matteo Salvini che la Politica dovrebbe educare, migliorare, nobilitare, lanciare messaggi positivi, costruire il futuro; e non sollecitare gli istinti più bestiali, le idee più becere e gli esempi più vomitevoli.

Conosce bene invece il portato genetico del suo partito, nato vent’anni fa sulle ceneri ancora bollenti del razzismo contro i meridionali al Nord. Alla perfezione, poi, applica gli esempi ricevuti dai suoi fratelli di Padania, autori di altre gesta eclatanti, dall’ex Guardasigilli che balla un altro coro da stadio anti-italiano nella sede del Ministero, all’attuale ministro degli Interni, condannato per aver preso a morsi un Poliziotto, via via fino al sommo leader, salvato dalla galera per aver offeso la Patria e il Tricolore da un’apposita legge, la “salva – Bossi”, appunto, voluta e votata dagli alleati allora ancora a reti non unificate di Forza Italia e di Alleanza nazionale, che ha vergognosamente depenalizzato tali reati.

Non contento, Matteo Salvini finge poi di dimettersi da deputato, il che era per lui un atto dovuto, perché imposto dalla legge, in caso di elezione sia al parlamento nazionale, sia a quello europeo, senza che nessun giornalista lo abbia spiegato; e poi continua a offendere tutti, almeno nell’intelligenza, che gli altri hanno, con le sue dichiarazioni in cui dice di volersi battere per la mozzarella di bufala e di voler indossare la maglietta del Napoli calcio, all’europarlamento di Strasburgo. Voto: 1 / Catastrofico

Venerdì 17 luglio 2009

BEPPE GRILLO

Ammalato di protagonismo, in crisi di astinenza, si inietta un’overdose, inventandosi un vero e proprio colpo di teatro.

Complice una domenica estiva in cui non succede niente, finisce sulle prime pagine di tutti i quotidiani, il giorno dopo, senza che a nessun giornalista venisse in mente che quella sua auto - candidatura alla guida del Pd non stava né in cielo, né in terra, per tutta una serie di ragioni che, appunto, soltanto ai nostri giornalisti potevano sfuggire.

Così, c’è voluta un’apposita riunione del plenum del comitato centrale del Partito Democratico, per ricordare quanto di più ovvio al mondo: che uno che non è iscritto, non può candidarsi a niente; e uno che denigra, sbeffeggia e insulta iscritti e dirigenti non potrà mai esserne il leader.

Nemmeno i fratelli Vanzina avrebbero potuto pensare a tanto, per il loro prossimo film: “Te lo do io il Pd!”.

Intendiamoci: molte delle cose che Yomo Grillo è andato predicando in questi ultimi anni hanno il loro fondamento logico e la loro oggettiva carica di giustizia: del resto, le degenerazioni della Seconda Repubblica; i privilegi della casta; il regime che indistintamente unisce i due maggiori partiti, volti soltanto a consolidare la propria egemonia di potere; le loro incapacità congenite non dico a risolvere, ma neppure ad affrontare seriamente quelle che nel frattempo sono diventate vere e proprie emergenze epocali; ecco, tutto ciò è sotto gli occhi di tutti.

E’ la mancanza di un impianto ideologico, che però toglie credibilità a Yomo Grillo: è il suo essere senza radici, senza fondamenta. E’ l’incapacità congenita, diciamo l’impossibilità strutturale, a dare un seguito concreto e fattibile a quanto sostiene, che lo rende niente di più che un fuoco d’artificio.

Per fare un esempio, le sue liste e listarelle elettorali, animate dai così detti “grillini” hanno avuto esiti deludenti, pur dopo un’enorme esposizione mediatica, che nessun altro soggetto partitico aveva avuto.

Per farne un altro, ecco che Yomo Grillo raccoglie le firme per un’iniziativa di legge popolare, ignaro della fine che tutte le altre iniziative simili hanno avuto nella storia repubblicana, e va in Parlamento a consegnarle, tenendovi in sede Istituzionale un discorso rispetto al quale quello di Benito Mussolini dell’aula sorda e grigia nel 1922 diventa un encomio apologetico.

Ecco, è il metodo, che non lo rende credibile: parla, straparla, denigra, insulta e poi non accetta confronto, non ragiona, non convince, non spiega, come se la politica fosse avanspettacolo, con tutto rispetto per l’avanspettacolo, nobile genere d’arte. Ma la politica, ecco, la politica è un’altra cosa.

I leader politici, sono stati altri. E altri pure gli intellettuali, gli ideologi, gli ispiratori beh, sono tutta un’altra cosa. Che adesso un po’ di tutto questo sia diventato Yomo Grillo, è un altro triste segno dei tempi. Infine, le contraddizioni personali. Intendiamoci, siamo tutti più o meno in contraddizione, insomma, ognuno di noi si presta a questo. Ma Yomo Grillo non ne ha una, e leggera: ne ha tante, e tutte pesanti. Ne ha troppe. Insanabili.

A cominciare appunto dall’aver fatto pubblicità e vendere cassette, dvd, libri e tutto il resto, parlando male del capitalismo.

E fosse solo questo! Ma poi Yomo Grillo parla di ridurre i consumi e ha viaggiato in Ferrari e in Gippone – mostruoso; dileggia lo Psiconano e ha usufruito del condono fiscale promosso dal governo Berlusconi; avrebbe voluto distruggere i computer, e poi qualche anno dopo è diventato Guru della rete e Santone del web…Basta? Non basta? Ancora uno e poi basta?

Vuole escludere dalla vita pubblica e politica chi è stato condannato in via definitiva, ed egli stesso ha una condanna passata in giudicato e confermata dalla Cassazione a un anno e tre mesi per triplice omicidio colposo.

Insomma, la sua auto - candidatura alla guida del Pd poteva essere presa sul serio solamente dai fratelli Vanzina, ma essi, da persone serie, a differenza dei giornalisti italiani, non l’hanno fatto.

Voto: 4/ Inadeguato

Articolo (p)Link Commenti Commenti (215)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
[url=http://cialison...
23/11/2017 @ 10:25:26
Di Saizolo
_______________
23/11/2017 @ 10:20:21
Di Archie
Mittie
23/11/2017 @ 10:17:01
Di Alisa

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


23/11/2017 @ 10:30:51
script eseguito in 555 ms