Immagine
 IMBIANCATA/ Torino, 30 gennaio 2014... di giuseppe
 
"
Noi siamo letterati ed artisti, e siamo uomini pensanti e responsabilmente coinvolti nelle cose che cupamente ci attorniano. Traiamo la nostra legittimazione più profonda ed individuata dalla visione, dall’emozione, dalla persuasione della sacralità, dell’identità, della socialità nazionale ed europea. Questo è il nostro mondo e per questo noi viviamo e ci battiamo.

Sandro Giovannini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 30/01/2009 @ 19:01:10, in blog, linkato 1147 volte)
Ho appreso oggi dalla segnalazione di un mio amico che dal sistema informatico del consiglio regionale del Piemonte ( non so, ma immagino di sì, che sia lo stesso anche per i pc degli uffici della Regione Piemonte ) questo sito è stato inibito. In pratica, ho verificato, viene impedito l'accesso dai pc della Regione, non solo: la motivazione, mortificante, è che si tratta di un sito pornografico! Pornografico, dai!!! Questo già bastava. In più - apprendo in questo momento - che l'Ansa, contrariamente a quanto promesso e come a lungo preparato con colloqui e interviste, non pubblicherà nulla sull'uscita del mio libro. Bel servizio alla libertà dell'informazione! Ma mi sarei stupito del contrario e anche tutto questo è molto, ma molto significativo, sullo stato della libertà in Italia oggi.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (160)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 28/01/2009 @ 21:51:06, in blog, linkato 1069 volte)
DALL'AMICO GIANNI CHIOSTRI, FINE UMORISTA E GRANDE VIGNETTISTA, RICEVO E VOLENTIERI PUBBLICO: Nel dare l’addio a Gianluigi Marianini, ricordato in questi giorni soprattutto per la sua notorietà televisiva (dovuta al celebre “Lascia o raddoppia”), poco si è invece parlato dell’uomo di cultura. Nella sua profonda fede cristiana, Marianini ha studiato a lungo i fenomeni paranormali e combattuto instancabilmente le superstizioni e le derive scientiste, ricevendo nel 1993 il Premio Publio Elvio Pertinace, come demonologo. Dall’Associazione Poesia Attiva fu anche insignito, il 17 marzo 1995, della “Mantella”, segno contraddistintivo dei grandi poeti contemporani.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (146)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 25/01/2009 @ 19:34:21, in blog, linkato 1332 volte)

Ci sono ritornato di recente e ci sono stato più di quindici giorni di fila, nel grande Salento. L’ho girato in lungo e in largo, ‘stavolta. Poi – e sono ormai più di altri quindici giorni - sono ritornato a Torino.

‘Stasera ne ho nostalgia.

‘Stasera che sono triste e mi sento solo, come non mi succedeva da tempo: ne so pure le ragioni, lucidamente ne avverto la consistenza, quando per la prima volta nella fattispecie la tensione è venuta meno e non ci sono prospettive, o almeno, pur sforzandomi, mi pare di non vederne, e comunque la situazione è quella che è, come pure è meglio proprio non approfondire. Ma questa è un’altra storia.

…Beh, va bene, non è vero: difficile scindere. La terra natia trattiene dentro di sé i sentimenti più forti e le radici si allargano a tante fondamentali ragioni, quelle vecchie, di nodi irrisolti, di affetti negati, che si trascinano nemmeno stancamente, anzi acquistando impeto devastante, pure di consolidate acquisizioni, che danno conforto, tanto, che però poi confliggono, quando bisogna lasciarle lì; però e quelle nuove, che stringono a tal punto, a volte, da soffocarti.

…Una telefonata, col vento in sottofondo. Un rincorrersi dei giorni e delle ore. Un tuffo al cuore. …

C’ero ritornato, pure a Gallipoli e c’era il vento pure quella sera. Il “palazzone” in fondo a via Roma spazzato da folate continue, le vetrine dei negozi lavate dall’umidità. La presenza del mare che si apriva appena più avanti, comunque impellente. Quella carezza della sera che non sapevo più il sapore che ha, ma che avevo ritrovato. Per poi perderla di nuovo. No, non è colma la misura delle cose che devo amare, e perdere.

Poi, a pensarci bene, quell’ombra che ci separa e che so c’era pure quella volta, in quegli atteggiamenti richiesti inopportunamente e inutilmente; c’è stata sempre del resto; va beh, quasi sempre. Ma tanto ormai ha avvolto tutto e ha fatto buio intorno a noi.

Il locale si chiamava “T’amo pio bove”. Pensavo fosse un omaggio alla poesia e a Carducci, invece lo era alla televisione e a Panariello. Va beh. Terra: turcinieddhri e patate novelle. Perfetto, non convenzionale: terra, anticonformisticamente non mare, però comunque territorio. Bene così.

La solita superstrada che partendo da Lecce spacca in due il grande Salento, in mezzo, fra una costa e l’altra, al ritorno, con le canzoni senza tempo. Quella superstrada fatta tante volte, con le piazzole di sosta, dove tante volte, per tante ragioni, mi ero fermato e quei grandi cartelli indicatori, degli svincoli da dove uscire, per le varie località da raggiungere.

I cartelloni della pubblicità, le postazioni.

Gallipoli, la città bella. Sono stato pure tanto nei paesi della grecìa salentina: buon giorno Calimera, Martano, Castrignano e Zollino dove mi ero scaldato e non per il falò – i riti ancestrali riproposti dalle tradizioni contadine – mi ero alterato proprio e dove poi pure però m’ero addolcito, un’altra sera, in cui avevo visto quello che non avevo mai visto e pure avevo tanto atteso e desiderato.

Il teatro greco, a Lecce città, cioè romano a pianta greca classica, tale e quale. La chiara eco che risuonava.

Le voci della pizzica. “Mena mena mo”…

Flash. Le luci della spettacolare, unica al mondo, piazza del Duomo a Lecce e il presepe nell’anfiteatro di piazza Sant’Oronzo.

A Galatina sono passato davanti l’editrice salentina, da dove mancavo quando andavo a correggere le bozze e ancora si stampava a piombo.

Una provincia difficile, diventata ora di moda, ma fiera delle proprie tradizioni rivendicate e anzi esaltate e a dispetto della dimensione geografica non più isolata, bensì collegata e non soltanto virtualmente con tutto il mondo.

Ho rivisto pure il mare, ma rivisto davvero dopo un tempo così lungo da provarne un bisogno fisico. Era il primo pomeriggio, mite e tranquillo, del giorno di Natale. Ho sbagliato strada apposta. A Porto Cesareo la strada del paese ti ci porta davanti. C’era la bassa marea. Sono sceso dall’auto, ho camminato sugli scogli. Ho respirato. Ho raccolto l’acqua salata con le mani e mi ci sono lavato il viso.

L’ho rivisto poi pure all’oasi naturale delle Cesine, dove ho camminato a lungo con gli amici, dove non prendeva il telefonino. Come non prende ‘stasera, quando c’è il black-out, quando ormai è arrivata non un’ombra, ma proprio il buio.

http://www.youtube.com/watch?v=UgBvZ-pr0iE
Articolo (p)Link Commenti Commenti (158)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Preceduta dai servizi televisivi su Telecity, di Torino e Alessandria, Grp e soprattutto Rete 7, che ha dedicato alla presentazione dell'evento addirittura cinque minuti di servizio nel tg di venerdì ( in tv un'eternità ), e' andata in scena a Casale la "prima" di "Voglio combattere ancora", pure la prima manifestazione in tutto il mondo dedicata al centenario del Futurismo. E' stata una bella serata, quella di ieri sera, all'insegna della cultura e della cultura nostra, per di più perché abbiamo dimostrato che è viva, attualissima e, ancora, può essere pure motivo di aggregazione e di consenso, oltre che piacevole; poi, è originale, se non inedito, lo sforzo di "recitare" la poesia di Marinetti, per cui, devo dire, il lavoro di Sandra Maggio è stato splendido. Per quanto mi riguarda, racconto l'uomo e l'opera - oltre che ricostruire il contesto storico - sulla base di un "canovaccio", che è il "ritratto" di Filippo Tommaso Marinetti ( tratto dal mio saggio pubblicato sul web "Maestri del Novecento" ). Lo uso quale base della mia "conversazione" teatrale, su cui poi, come detto, si innesta la recitazione viva della Sandra Maggio, costituendo con ciò una vera e propria performance teatrale, della durata di circa un'ora, che sarei felice di poter replicare altrove durante tutto questo 2009
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 13/01/2009 @ 13:20:53, in blog, linkato 2891 volte)

SABATO 17 GENNAIO - ORE 17.30 – A CASALE MONFERRATO ( AL ) – Galleria Santa Croce, via Roma, n. 79 - MIA CONVERSAZIONE SU FILIPPO TOMMASO MARINETTI – con PERFORMANCE TEATRALE – a seguire: dibattito e aperitivo futurista –

Siete tutti invitati!

Sabato prossimo 17 gennaio sarò nella complessa e multiforme città di Casale Monferrato, a parlare dell’attualità di Filippo Tommaso Martinetti.

La mia conversazione concluderà la mostra “MAFARKA, spettacolare vita futurista”, inaugurata il 4 gennaio scorso, presso gli spazi espositivi della galleria Santa Croce, in Via Roma 79, a cura dell’associazione casalese “Elettra”, che, come sottolineato dal suo presidente Filippo Russo, ha voluto portare in scena un prodotto “squisitamente culturale” ed italiano, mostrandolo come arte totale, capace di coinvolgere il visitatore a trecentosessanta gradi.

Il progetto è stato patrocinato dalla Regione Piemonte e ne hanno curato la realizzazione la “More & More Partners S.r.l.” e “Lab to A”, in collaborazione con “My Cafè”.

Come è noto, il Futurismo, avanguardia artistica e non solo, di inizio Novecento, ha, a tutti gli effetti, posto le basi, con le sue rivoluzionarie idee, del crescere moderno.

”Mafarka”, il re degli Africani, è il titolo di un romanzo di Martinetti, del 1909, l’anno della pubblicazione del “Manifesto del futurismo”, di cui si festeggia quest’anno il settantesimo anniversario, in una atmosfera culturale di straordinaria attenzione per tutto quello che è legato al futurismo.

Nella mostra di Casale Monferrato, trovano spazio pittura, scultura, fotografia, architettura, moda, teatro, danza, cucina lungo un percorso che ospita originali sculture ferriche e originali opere fotografiche degli artisti Giovanni Corce e Osvaldo Bot; e pannelli illustrativi creati ad hoc, andando a comporre un interessante percorso didattico-espositivo delle applicazioni fatte al vivere comune dalla poetica futurista.

Sono presenti inoltre sculture dove l'aspetto plastico e dinamico sono esaltati da forme vuote e piene, calchi e fusioni, in cui vengono accentuati i caratteri salienti della lavorazione meccanica; e accumulazioni letterarie, opera composta da più di duecentocinquanta libri, disposti sul pavimento, utili a fare riflettere il lettore su quel “distruggiamo la cultura” inneggiato dai futuristi e sulla sua possibile ricostruzione.

Sabato prossimo, 17 gennaio, alle ore 17.30, parlerò dell’attualità di Filippo Tommaso Martinetti, in una conversazione intitolata “Voglio combattere ancora!”, un verso del “Cantos” n. 72 di Ezra Pound, uno dei due scritti in italiano nel 1944 e dedicato appunto dal poeta americano all’ amico italiano, nello sconforto in cui l’aveva gettato la notizia della sua morte.

L’attrice Sandra Maggio reciterà “Bombardamento” e “Quarto d’ora di poesia della X Mas”e leggerà il Manifesto del futurismo, oltre a brani di lettere e biografie scritte dalle figlie e dalla moglie di Marinetti.

Introdurrà Bruno Labate, presidente dell’associazione “Poesia attiva”; seguirà il dibattito e un aperitivo, a concludere quella che si annuncia per tutti i partecipanti come una bella serata ricca di proficue suggestioni culturali.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (467)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
beasiswa Pns 2016
17/11/2017 @ 20:01:22
Di Lloyd
r https://viagragrn....
17/11/2017 @ 19:57:57
Di FrankJek
sex
17/11/2017 @ 19:55:59
Di Michelle

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


17/11/2017 @ 20:03:02
script eseguito in 587 ms