Immagine
 DISASTRATI/ I treni di Trenitalia... di giuseppe
 
"
"...Contro tutto questo voi non dovete far altro che continuare semplicemente a essere voi stessi: il che significa essere continuamente irriconoscibili e continuare imperterriti, ostinati, eternamente contrari, a pretendere, a volere, a identificarvi col diverso; a scandalizzare; a bestemmiare...”.

Pier Paolo Pasolini
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di giuseppe (del 19/09/2006 @ 14:37:24, in blog, linkato 26288 volte)
A volte si capisce di più partendo dai casi minimi, dai dati personali e abituali, che non affrontando di petto le grandi questioni. Si parla tanto in questi giorni della Telecom, delle dimissioni dei suoi vertici, delle polemiche politiche che ne sono scaturite per i collegamenti con il governo-Prodi. Io non so chi abbia ragione e chi abbia torto. Io non capisco pure come mai una società si tenga per tanto tempo il suo presidente che l’ha portata a indebitarsi per cifre così astronomiche che neppure so concepire e come le banche abbiano permesso tutto ciò, ma mannaggia al vizio di divagare, queste sono altre storie. Io so però che prima che la privatizzassero, a opera del precedente governo, sempre Prodi, la società di Stato dei telefoni era, se pur su un declino già imbroccato, per effetto dell’incuria ad essa riservata ormai da tempo, una società che funzionava, non solo, ma pure una società prestigiosa. Ma chi l’ha detto che lo Stato deve cedere ai privati società che erogano servizi ai cittadini? I risultati della logica del profitto e dell’egoismo sono sotto gli occhi di tutti, per luce, gas, poste, ferrovie: i beni sono rincarati, i privati hanno fatto e continuano a fare profitti, i servizi sono peggiorati, i cittadini pagano a caro prezzo, di più di prima e sono trattatati peggio di prima. Prima, quando c’era la Sip, c’erano esseri umani con i quali parlare, raccontare i problemi, farsi spiegare le soluzioni; c’erano altri esseri umani che tecnicamente ti allacciavano le linee, ti montavano e smontavano i cavi, ti mettevano le prese; impiegati e operai avevano anzi uno status sociale, di dipendenti statali. Poi è arrivata ‘sta Telecom, l’hanno comprata con gli investimenti fittizi, coi soldi virtuali che neanche a Monopoli, con un Presidente che a fare il vice di Massimo Moratti all’Inter ( a proposito di dissesti, un campione ) era già professionalmente sopravvalutato, e i risultati si sono visti. Sono spariti gli sportelli, sono spariti gli esseri umani. Le linee cadono, gracchiano, spariscono, per non parlare dei modem del collegamento a internet, che sono più le volte che non funziona, di quelle in cui funziona. E’ cronaca di tutti i giorni, ognuno di voi ha avuto a che fare con la Teleconm e ha passato la sua via crucis di giorni, settimane, mesi, se non anni, e spesso sono via crucis che è necessario affrontare a ripetizione. Quelli del 187 ti trattano come neanche più si trattano le bestie. Proposte commerciali assurde, a volte vere e propri imbrogli, sono all’ordine del giorno, violenze da cui è difficile difendersi. Si paga e si paga profumatamente, per avere disservizi, per essere truffati e per essere trattati una schifezza. Questa è la Telecom. Mi meraviglio che qualcuno si meravigli in questi giorni del fatto che sia un’azienda in crisi. P.S. Ah, certo, le privatizzazioni e le liberalizzazioni permettono ad altre società di fare le stesse cose. Peccato che per tutti noi utenti ciò non significhi nulla, perché anche le altre società minori sono impostate sulla stessa logica e quindi hanno le stesse dannose, perniciose, sgradevoli, umilianti, inefficaci caratteristiche del modello cui dovrebbero fare concorrenza.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (261)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 11/09/2006 @ 18:26:13, in blog, linkato 22246 volte)

E’ scoppiato un incendio pauroso e crudele, lo scorso fine settimana, alle spalle di Spotorno, in Liguria, vicino Savona, vicino pure a Torino, nel senso che è quella provincia la più geograficamente accessibile da qui, di fronte al mare dell’isoletta di Bargeggi.

Non è nemmeno la prima volta che succede, sempre lì: se ne ricordano un altro paio, negli anni scorsi, di cui ancora non si erano recuperati i perniciosi effetti. Ora, due vittime umane a parte, è lo scempio ambientale che colpisce e ferisce.

Il bello, cioè il brutto è che in qualcuno dei tanti telegiornali idioti, più che stupidi, che infestano le nostre giornate, ho sentito dire che l’incendio sarebbe scoppiato a causa di qualche automobilista irresponsabile che ha lanciato un mozzicone di sigaretta accesa dal cavalcavia dell’autostrada che passa sopra i boschi.

Ancora, la favoletta idiota, più che stupida, degli incendi nei boschi che scoppiano a causa del fumatore distratto! Ancora?!? E dai... Gli incendi nei boschi scoppiano al 99.99 % a opera dolosa di qualcuno che per interesse più spesso, a volte per dispetto, rancore, invidia e/o per pura follia qualche volta, di proposito, deliberatamente, appicca le fiamme, scegliendo le condizioni migliori affinché essi si propaghino. Altro che mozzicone di sigaretta!

Poi, verrebbe voglia di andare a sottolineare che nessuno governo riesce a contrastare questo triste fenomeno. E ancora che... Ma io volevo semplicemente dire che al mare si può andare ancora, incendi nei boschi permettendo. Che l’estate continua. Che sì, è vero, tutte le attività si sono riavviate, dopo la consueta pausa d’agosto, tutta tipicamente italiana, ma insomma, la bella stagione non è finita. Che a Ferragosto c’è il vero inizio dell’anno, col serpente che si morde la cosa e ora siamo appena agli inizi. Tutto questo avrei voluto dire, se non fosse stato un incendio a farmi divagare e ribaltare.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (244)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di giuseppe (del 07/09/2006 @ 17:16:52, in blog, linkato 25735 volte)

Tornato, in questa città che ho seguito da lontano, come in dissolvenza e per un po’ ho dimenticato.

Viaggiando mi moltiplico, scopro fuori e dentro di me qualcosa che ancora non conosco, mi metto in ordine le idee, mi rafforzo e mi rigenero, oltre a raggiungere l’altrove.

Ora sono di nuovo qui, la zona, la sede delle mie attività, compiutamente riavviate. Ma un’altra zona e un’altra sede ho nel frattempo individuato anche per esse.

A settembre intanto questa città è finanche bella. C’è il clima migliore, di solito, fin verso ottobre, come ad aprile e maggio: non fa freddo come negli altri mesi e non c’è nemmeno l’afa opprimente di luglio e agosto. Si sta bene e i colori diventano gustosi come l’aria, con le sue gradevolissime atmosfere.

Il prossimo fine settimana ricominciano pure i campionati di calcio, così ci daranno di sicuro qualche emozione e – si spera- pure qualche soddisfazione.

Non vedo l’ora che ricominci pure il mio programma televisivo preferito, “Chi l’ha visto?” , che ogni settimana mi porta lingue e dialetti lontani e mi dimostra ogni volta come la realtà riesca sempre a superare la più accesa fantasia.

E’ scomparso qualcuno in questi mesi da Torino. Un paio li hanno trovato morti, dopo settimane e settimane, nel loro appartamento: come se fosse normale per un a città che pure si dice grande e civile lasciare che qualcuno muoia in una casa chiusa, senza che nessuno se ne accorga, o abbia alcunché da dire, o da ridire.

Due, marito e moglie, si erano murati vivi, volontariamente e stavano così da anni, con la figlia che pensava bene a rifornirli di provviste, infischiandosene di tutto il resto.

Una bambina stava per sparire ieri da Asti, qui vicino, perché un cittadino slovacco ha tentato di rapirla in un supermercato, senza riuscirci, facendosi scoprire e catturare. Il bello è che un fatto simile ( un tentativo di rapina inspiegabile, di una bambina figlia di contadini, a opera di un nomade ) l’ho sentito raccontare alla radio durante il mio recente soggiorno al Sud. Poi dice che i zingari rubano i bambini e poi a “Chi l’ha visto?” fanno le puntate speciali.

Un ragazzo di Torino è andato in vacanza in Spagna, in una specie di brutta copia da incubo di Rimini, con sesso e droga dilaganti, che si chiama Torremolinos e non è più tornato. Si è speso un bel po’ di soldi presi col bancomat e di lui non si sa più nulla.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (133)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
blog (325)

Catalogati per sezione:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
how to calculate exc...
17/11/2017 @ 20:03:20
Di Parthenia
beasiswa Pns 2016
17/11/2017 @ 20:01:22
Di Lloyd
r https://viagragrn....
17/11/2017 @ 19:57:57
Di FrankJek

Titolo
Bianco e nero (194)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo


17/11/2017 @ 20:05:19
script eseguito in 547 ms